In un momento dell’anno nel quale le carte e i giochi non mancano nelle case dei palermitani, i rosanero decidono che è bene uniformarsi. La squadra di Ballardini “cala” il poker in una partita fondamentale. Il Palermo batte 4-1 il Frosinone grazie ai gol di Goldaniga, Vazquez, Trajkovski e Gilardino. Inutile il gol di Sammarco per i gialloblù.

La novità più importante del 4-3-1-2 di Ballardini è la presenza di Djurdjevic a distanza di quasi tre mesi dall’infortunio di San Siro. Il serbo fa coppia con Trajkovski, mentre a Vazquez viene richiesto di illuminare la manovra dalla trequarti. Struna rientra dopo la squalifica in difesa, centrocampo formato ancora da Hiljemark, Jajalo e Chochev. Stellone risponde con un 4-4-2 con Soddimo e Paganini che in fase offensiva si uniscono alle punte Ciofani e Dionisi.

Bastano trenta secondi al Palermo per sfiorare il vantaggio. Cross di Struna dalla destra, Blanchard buca il pallone, Djurdjevic controlla e calcia. Il pallone sbatte sul palo alla destra di Leali. La partenza dei rosanero è decisa, di chi vuole sbloccare subito l’incontro. Obiettivo raggiunto al 5’. Punizione di Hiljemark dalla trequarti, Diakité non riesce a respingere, Goldaniga stoppa e firma il suo secondo gol stagionale da due passi. Non è finita. Dopo l’assist su punizione, Hiljemark prova a finire sul tabellino dei marcatori. Potentissimo il suo destro da venticinque metri, Leali è battuto ma il palo dice di no al numero 10.

Il Frosinone prova a reagire con un inserimento di Dionisi (attento Sorrentino) e un tiro-cross di Soddimo che termina di poco fuori. Ma la squadra di Ballardini è decisamente in serata e trova il raddoppio grazie ad uno splendido assist di Chochev. Il bulgaro pesca Vazquez nel corridoio giusto per liberare il “Mudo” davanti a Leali. Il numero 20 non può davvero sbagliare, il raddoppio è servito al 17’. Vazquez prova a ripetersi poco dopo, ma il suo pallonetto a giro da posizione difficile finisce sopra la traversa.

Nel momento migliore del Palermo, il Frosinone trova però inaspettatamente il gol del 2-1. Dionisi calcia dalla distanza, Sorrentino non è impeccabile nella respinta, Sammarco arriva per primo sul pallone e accorcia le distanze. Nel finale di primo tempo Goldaniga impegna Leali con un colpo di testa, mentre nel finale l’arbitro Doveri è protagonista di un paio di decisioni controverse. Dopo aver ammonito Pavlovic, Blanchard e Djurdjevic, il direttore di gara decide di ammonire per la seconda volta il centrale difensivo dei gialloblù per un fallo sul serbo. Dopo oltre un minuto di proteste, Doveri torna sui suoi passi, ammonendo Gori. Nel finale i rosanero chiedono invece un calcio di rigore per un intervento scomposto in area di rigore su Djurdjevic, ma l’arbitro lascia correre.

La ripresa si apre con l’ingresso di Gilardino per Djurdjevic. Il numero 11 si segnala al 13’ per una bella combinazione tutta di prima con Hiljemark che libera al tiro Vazquez. Il sinistro del “Mudo” termina alto. Decisamente più pericolosa la chance costruita un minuto più tardi dagli ospiti. Pavlovic va via sulla sinistra e crossa per Ciofani, che anticipa Gonzalez. Il colpo di testa in tuffo dell’attaccante gialloblù termina fuori alla sinistra di Sorrentino.

Il Palermo cambia nuovamente marcia e con un’invenzione chiude la partita. Da Alex ad Alek, Trajkovski firma il primo gol in Serie A con una magia alla Del Piero. Dal vertice sinistro dell’area il macedone si inventa un destro a giro che lascia Leali immobile. E’ un gol fantastico che fa impazzire il “Barbera” e che sigilla la vittoria. Il Frosinone esce dal campo, ad eccezione di un potente diagonale di Dionisi con il pallone che finisce di un soffio a lato.

La squadra di Ballardini cerca invece la quarta rete con insistenza. Vazquez scambia con Gilardino e schiaccia troppo il sinistro, il numero 20 serve poi Trajkovski che viene stoppato al limite dell’area. Ancora il “Mudo” si rende pericoloso al 39’, stoppando in area il pallone su un’uscita imprecisa di Leali. Vazquez salta il portiere, ma non centra la porta di sinistro.

La rincorsa rosanero alla quarta rete si conclude al 40’. Lazaar crossa dalla sinistra, Chochev è pronto all’appuntamento con il pallone ma trova la respinta di Leali. Sul pallone arriva però Gilardino, che di testa chiude i conti. Una bella e convincente vittoria regala al Palermo tre punti importantissimi. La squadra di Ballardini si porta a quota 18 punti, quattro in più rispetto al Frosinone. (fonte palermocalcio.it)

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi