PALERMO – Ha aiutato tante donne a lottare contro “il mostro”. Adesso il centro Amazzone di corso Alberto Amedeo, storica sede appartenente all’ospedale Civico da sempre impegnata alla lotta contro il tumore al seno, rischia seriamente la chiusura.

A riferirlo Anna Barbera, che ha dato il “la” al progetto: “Con la chiusura della sede attuale, in attesa di soluzioni alternative, viene interrotto un servizio innovativo nell’ambito della cultura della malattia legata all’esperienza umana del cancro al seno che ha dato risposte a migliaia di donne sia in programmi di prevenzione globale, che di sostegno alle pazienti”.

“Dal 1996, anno di nascita del Progetto Amazzone e dal 1999 e di apertura del Centro Amazzone, è in costante realizzazione un processo di cambiamento intorno all’esperienza sociale ed individuale della malattia che ha influenzato e modificato l’approccio al cancro. Tale cambiamento -conclude Barbera- è avvenuto con riconoscimenti nazionali ed internazionali. L’Associazione si appella alla Città affinché un tale patrimonio culturale non si disperda”.

Si attende ora l’assemblea chiarificatrice di lunedì alle ore 11:00 a cui sono stati invitati anche il direttore generale dell’Arnas-Ospedale Civico, Giovanni Migliore e il sindaco di Palermo Leoluca Orlando.

Teresa Fabiola Calabria

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi