PALERMO – “Dal 1985 ad oggi la Sicilia ha perso circa 200mila posti di lavoro, compresi i sommersi, avremmo bisogno di 2milioni e 400mila posti di lavoro ma ne abbiamo 1 milione 322mila e il mercato del lavoro perderà altri 20mila posti nel 2015 con la disoccupazione che si attesterà al 24,5 per cento e la nostra regione resterà nella crisi, anche se si spera che il percorso di uscita dalla crisi dell’Italia possa in qualche modo trainare anche la Sicilia, anche se riteniamo che nel 2015 Il Pil sarà in flessione dello 0,8 per cento”. Pietro Busetta, presidente della Fondazione Curella e docente universitario, ha aperto stamattina le due giornate di analisi e approfondimenti di carattere socio-economico per celebrare i trent’anni di attività della Fondazione “Centro Ricerche Economiche Angelo Curella” alla presenza dell’assessore regionale all’Agricoltura Nino Caleca, dell’assessore regionale al Turismo Cleo Li Calzi, dell’assessore comunale alle Attività produttive Giovanna Marano, del direttore generale della Banca popolare Sant’Angelo Ines Curella, del direttore della sede di Palermo della Banca d’Italia Antonio Cinque e del Rettore dello Iulm di Milano e dell’Università Kore di Enna Giovanni Puglisi.

fondazione30anni-1Sociologi, economisti, docenti universitari, giornalisti fino a domani, 30 maggio, al Grand Hotel et des Palmes di Palermo, ripercorrono con una serie di tavole rotonde e dibattiti “l’utilità” della Fondazione costituita nel 1985 per l’illuminata volontà di Nicolò Curella, presidente della Popolare Sant’Angelo con l’obiettivo preciso, non di farne il centro studi della Banca, ma di realizzare un istituto che contribuisse ad una migliore conoscenza dei principali fenomeni socio-economici del nostro tempo, con specifica attenzione ai problemi del dualismo economico Nord-Sud ed a quelli dell’economia regionale e alle problematiche del credito.

La Fondazione è riuscita a portare gli attori del dibattito nazionale ed internazionale in Sicilia dando vita ad occasioni di confronto di assoluto rilievo. All’attività di ricerca e di documentazione, la Fondazione ha cercato di affiancare l’altrettanto importante attività di formazione e di qualificazione di giovani neo-laureati, incentivandoli con premi di laurea e borse di studio ed inserendoli nei propri gruppi di ricerca. Un grande impegno preso e profuso per la Sicilia, per il Sud, e quindi per l’intera Italia, di cui anche la Banca Popolare Sant’Angelo ne ha tratto vantaggio.

“La Banca e la Fondazione in questi trent’anni hanno certamente contribuito allo sviluppo economico del territorio in un successo a vicenda, svolgendo un lavoro intenso e importante per la Sicilia”, ha affermato nel suo saluto Ines Curella, direttore generale della Banca Popolare Sant’Angelo.

“In un Paese disomogeneo come il nostro è fondamentale avere un centro studi come la Fondazione Curella per comprendere l’evoluzione delle nostre regioni – ha sottolineato Antonio Cinque, direttore della Banca d’Italia di Palermo – per capire meglio le politiche monetarie nazionali. L’importanza del ruolo attivo della Curella è fondamentale per tenere vivo il dibattito sulla nostra Regione”.

“La Fondazione Curella – ha osservato l’assessore regionale all’agricoltura Nino Caleca – rappresenta parte della storia siciliana che si ricollega alla politica e fa da stimolo a chi governa. Uno stimolo che amaramente dico non viene accolto. La politica sta precipitando in un baratro. La Fondazione serve per comprendere cosa succede nella nostra Isola. Viviamo una crisi di cui non capiamo la natura. La Regione Siciliana per i prossimi anni dovrà spendere 2 miliardi e 300 milioni di euro che se spesi bene dovrebbero aumentare il Pil – ha aggiunto -. Non ci manca il prodotto non manca la manodopera eppure non riusciamo a svilupparci. Perché la nostra è una crisi che riguarda il capitale umano, non abbiamo soggetti che pensano. Per esempio, ho il problema di capire a chi dover dare questi soldi. Bisogna creare una nuova classe dirigente. La Fondazione c’è lo aveva detto a quale crisi stavamo andando incontro, ma la politica non ha capito la profondità di questa crisi. Proprio per questo motivo, si capisce il fondamentale  lavoro che svolge la Fondazione Curella”, ha concluso Caleca.

La Fondazione negli anni si è trasformata in polo propulsivo di riflessione, in luogo di incontro e confronto nella convinzione che solo dal dibattito e dalla collaborazione si possano ottenere significativi contributi alla conoscenza dei problemi della nostra realtà. In tale ottica, nel corso della sua attività, la Fondazione, ha proposto momenti di riflessione e confronto, organizzando numerose conferenze, tavole rotonde e seminari di studio. Tutto sempre per tentare di interpretare la realtà, per confrontarsi con le altri componenti del contesto sociale ed economico locale e nazionale, per formulare ipotesi, per avanzare proposte.

“La Fondazione negli anni ha operato un cambio di rotta rispetto all’improvvisazione ed al sentito dire – afferma il presidente Pietro Busetta -. Un cambiamento copernicano in una realtà come la nostra dove la politica parolaia l’ha fatta sempre da padrona e dove i concetti di reddito, ricchezza, tassi di occupazione domanda ed offerta di lavoro avevano il senso del sentito dire. Siamo stati presenti quando c’erano anche altri centri studi, quando molti non c’erano più e quando ne sono arrivati di nuovi, svolgendo un ruolo trainante per far sì che l’economia fosse al centro del dibattito quotidiano”.

Un po’ di storia. La Fondazione porta il nome di Angelo Cristina Curella, poeta, critico, saggista, editore e giornalista, nato a Licata il 30 gennaio 1899 che, chiamato da uno zio arciprete della chiesa madre di Licata, si trova costretto a mette da parte le sue brillanti ambizioni letterarie, per assumere le redini di un’azienda bancaria, l’Unione Economica  Popolare, che in quel momento attraversava alcune difficoltà.  Angelo Curella, grazie al suo impegno e alle sue capacità, riuscì  risanare le sorti dell’azienda e nel 1927 trasforma l’Unione Economica Popolare in Banca Sant’Angelo.

Nasce così l’attuale Banca popolare Sant’Angelo, che oggi ha 95 anni di storia, in un percorso di costante sviluppo e di successi. Una banca strettamente legata agli interessi del territorio e che oggi rappresenta, come si evince dai numeri, una realtà importante per il sistema bancario territoriale; una banca rimasta, insieme con la Popolare di Ragusa, l’unica azienda creditizia  siciliana.

La Fondazione nasce da questo spirito mutualistico a favore del territorio, ma anche come strumento di conoscenza di studio dei principali fenomeni sociali economici e creditizi, rispecchiando quelle che erano le caratteristiche di Angelo Cristina Curella: manager illuminato, ma allo stesso tempo uomo di cultura, poeta, scrittore. La Fondazione ha il compito di rendere vivo il ricordo di Angelo Curella e di rendere indissolubile il legame tra la Banca ed il suo fondatore. 

Inserita ai livelli più qualificati del dibattito economico nazionale ed internazionale, la Fondazione continua a mantenere inalterata la caratteristica di ente di ricerca impegnato per lo sviluppo culturale ed economico del Mezzogiorno e della Sicilia. La serietà ed il rigore scientifico mantenuti nelle proprie attività hanno fatto acquisire alla Fondazione grande credibilità e notevoli apprezzamenti, sia a livello locale che nazionale, nonché internazionale.

Nel 1994 è arrivato il riconoscimento ufficiale della personalità giuridica da parte del Ministro dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica. L’importante provvedimento, oltre ad attribuire piena personalità giuridica alla Fondazione, ne ha riconosciuto lo status di ente culturale, sancendo al contempo la validità dell’azione svolta e la rilevante utilità sociale degli scopi perseguiti.

The Economist ha individuato la Fondazione come il “think thank” del Mezzogiorno la qual cosa ha permesso una vera e propria consacrazione nel panorama nazionale ed internazionale come interlocutore attento e prestigioso.

Da questa consapevolezza generalizzata deriva la presenza nei nostri osservatori dei maggiori economisti italiani. E da tale condivisione generalizzata   la coeralizzazione dell’Osservatorio per oltre un decennio con il  Sole24ore.

Vanno ricordati anche i numerosi strumenti di cui si è dotata negli anni la Fondazione: “I Quaderni della Fondazione Curella”, raccolta di studi monografici sui temi di maggiore interesse ed attualità del settore economico e finanziario, giunti a 24 titoli; “Il Report Sud”, indagine semestrale sull’economia meridionale, dal 1999, che informa in tempo reale sull’effettiva evoluzione del tessuto produttivo del Mezzogiorno, costituendo un valido strumento di analisi per gli operatori economici e per le imprese;

“Il Report Sicilia”, indagine semestrale sull’economia regionale, dal 1997, che fornisce informazioni in tempo reale sull’evoluzione dell’economia siciliana; “Orizzonte Sicilia”, rivista economica realizzata annualmente per conto della Banca Popolare Sant’Angelo che analizza ed affronta le diverse problematiche siciliane, giunta al 79esimo numero;

“I quaderni di Orizzonte Sicilia”, raccolta di studi, approfondimenti e analisi su aspetti salienti della realtà economica siciliana e meridionale. A questi va aggiunta l’attività congressuale, in particolare: “l’Osservatorio Congiunturale”, realizzato ogni anno dal 1987, un’occasione unica di incontro tra i protagonisti del dibattito economico. E poi“Le Giornate dell’Economia del Mezzogiorno”, settimana di incontri e convegni, in cui docenti, imprenditori, rappresentanti di categorie discutono assieme sulla situazione economica del Sud, consegnando le linee guida per il futuro del Meridione.

Una storia importante quella della Fondazione Curella che in trent’anni ha contribuito alla conoscenza e allo sviluppo del tessuto socio economico siciliano, ma che ha anche contribuito al successo della Banca Popolare Sant’Angelo, realtà vive e propositive.

T.C

Scrivi