Iachini: “Al momento paghiamo anche la minima sbavatura. Dobbiamo lavorare per migliorarci”.

di Gianluca Virgillito

PALERMO – Sicuramente non era questa la giusta occasione per misurare le reali potenzialità del Palermo. Dopo le tre sconfitte consecutive arriva, inesorabile, anche la quarta capitolazione, questa volta per mano della Roma di Garcia, che neanche in 40′ si sbarazza della pratica rosanero, vincendo 4-2 alla Favorita.

Iachini era, è e sarà ancora sulla graticola. Non saranno le parole di Zamparini a smorzare i dubbi attorno ad una squadra apparsa oggi pomeriggio disorientata sin dalle prime battute. Pjanic, Florenzi e Gervinho producono un sonante 3-0 e chissà cosa avrà pensato il presidente che solo un paio di giorni prima aveva incoraggiato i suoi ad avere un atteggiamento meno remissivo.

Il ritorno, disordinato ma comunque rivelatore di un piccolo barlume di orgoglio e forza, della ripresa, con la prima marcatura firmata Gilardino e la rete della speranza di Gonzalez prima del definitivo 4-2 di Gervinho, che festeggia la sua prima doppietta stagionale in Serie A, è troppo poco per portare a casa punti che sarebbero stati preziosissimi.

Più che il valore dei singoli, il Palermo sembra accusare una crisi di identità di gioco. Dopo l’addio di Dybala mancano forse certezze in avanti, mentre in difesa non si riesce a rimanere impermeabili come invece riusciva bene contro Genoa e Udinese all’esordio. Tanto lavoro da fare, rosanero che devono necessariamente rialzarsi e tornare a lottare se non vogliono crollare in fondo alla classifica. E le avversarie suonano alla porta, l’ultimo squillo è quello del Carpi di Sannino, ieri vittorioso contro il Torino.

Le dichiarazioni di mister, Giuseppe Iachini, ai microfoni di RaiSport al termine del match: “Abbiamo affrontato una Roma di grande qualità, nella ripresa ci abbiamo provato e abbiamo accorciato, peccato perché i ragazzi sul piano dell’impegno hanno fatto quello che dovevano. Ora paghiamo anche la minima sbavatura e dobbiamo lavorare per evitarle. Penso che in due anni e mezzo abbiamo passato momenti difficili ma abbiamo fatto un ottimo lavoro, continuiamo su quel percorso e torneremo a fare quel che è stato fatto in precedenza”.

TABELLINO
Palermo (4-4-1-1):
Sorrentino; Struna (85′ Rispoli), Gonzalez, El Kaoutari, Lazaar; Hiljemark, Jajalo (46′ Gilardino), Chochev, Rigoni; Vazquez; Trajkovski (60′ Quaison). A disp.: Alastra, Colombi, Goldaniga, Andelkovic, Vitiello, Maresca, Daprelà, Brugman, Cassini, La Gumina. All.: Iachini
Roma (4-3-3): Szczesny; Torosidis, De Rossi, Manolas, Digne; Florenzi (84′ Gyomber), Pjanic, Nainggolan; Iago Falque (66′ Emerson), Salah (75′ Uçan), Gervinho. A disp.: De Sanctis, Castan, Maicon, Machine, Sadiq, Nura, Vainqueur, Ponce, Iturbe. All.: Garcia
Marcatori: Pjanic (R), Florenzi (R), 2 Gervinho (R), Gilardino (P), Gonzalez (P)
Ammoniti: Nainggolan (R), Hiljemark (P), Chochev (P), Struna (P), Gilardino (P), Emerson (R), Manolas (R) “

 

Scrivi