PALERMO – S’intitola “La barca” ed è il brano scritto da Giulia Catuogno per Andrea Vincenti -e cantato dallo stesso- canzone che ha vinto il premio Mia Martini “Nuove proposte per l’Europa”. Il brano parla del tema dell’immigrazione e ha vinto anche il premio della critica Bigazzi.

La cerimonia di premiazione si è svolta alla fine di una tre giorni di gara tenutasi a Bagnara Calabra, città dove Mia Martini è nata. Il testo parla di una barca di migranti in arrivo in Italia e del destino già segnato di chi ci sta sopra: un bambino “con due occhi diamante”, una donna incinta, una ragazza che sa che andrà a prostituirsi, suo fratello che sa che finirà a vivere per strada.

«La cosa più forte è la sfida che c’è negli incisi – dice Giulia Catuogno – dove la canzone parla con chi ascolta e dice: “Pensa se questo accadesse a te”. Il brano è una sfida, ma anche un invito a non cadere nella banalità o nel pregiudizio del luogo comune. L’invito è provare a immedesimarsi nelle persone che scelgono il mare come salvezza».

“La barca” contiene anche una critica alle stragi in nome della religione compiute dall’Isis: “Se qualcuno ti venisse ad incendiare l’esistenza, imponendoti per Dio la sua violenza”.

Andrea Vicenti entra così a fare parte di un palmarès che ha visto negli anni passati vincere Mariella Nava, Gianluca Grignani, Mario Biondi, Marco Masini, Alexia, i Negramaro, Ivan Segreto. «Sono contenta – continua Giulia Catuogno – che abbia vinto una mia canzone così impegnata. Vuol dire arricchirmi di forza e speranza. Mi piacerebbe se fosse eseguita davanti a Papa Francesco, che tanto si è impegnato con i suoi messaggi nell’aiuto dei migranti di ogni religione».

Giulia Catuogno ha anche una pagina Facebook dove potere mettere “mi piace” e seguire la sua attività artistica: https://www.facebook.com/giulia.catuogno.

Questa invece la pagina Facebook di Andrea Vincenti https://www.facebook.com/Andrea-Vincenti-Official-868727623216058/

T.C

Scrivi