PALERMO – Anche il Santuario di Monte Pellegrino, in cui sono state ritrovate le ossa di Santa Rosalia, si prepara ad accogliere tra le sue mura la porta santa in occasione dell’anno Giubilare, porta che da domani, domenica 20 dicembre, accoglierà i fedeli che desiderino ottenere l’indulgenza per i propri peccati. Per tale occasione, saranno attuate alcune misure straordinarie per la viabilità. Nei dettagli:

  • Via Pietro Bonanno: il tratto compreso tra la via Cardinale Rampolla e la Spianata della Sacra Grotta sarà chiusa al transito veicolare dalle ore 8.00 alle ore 14:00. Il tratto compreso tra la via Martin Luter King e la Spianata della Sacra Grotta prevederà il divieto di sosta su entrambi i lati dalle ore 7:00 alle ore 14:00.
  • Via Monte Ercta: il tratto compreso tra via Annone e la Spianata della Sacra Grotta verrà chiuso al transito veicolare dalla mezzanotte del 20 e per tutta la giornata dello stesso giorno.
  • Via P. Giordano Cascini: il tratto compreso tra la Spianata della Sacra Grotta Via Monte Ercta prevede il divieto di sosta ambo i lati dalle ore 7:00 alle 14:00, cosi come nel tratto compreso tra la via Monte Ercta e il piazzale Cardinale Pappalardo.

Come si legge in una nota rilasciata in queste ore dal Comune di Palermo: “Per quanto riguarda il provvedimento di chiusura al transito veicolare di via P. Bonanno si intendono autorizzati dalle ore 7:00 alle ore 14:00, sempre del 20 dicembre, i veicoli dell’associazione “Arca Verde”, veicoli di soccorso, di emergenza, della Protezione Civile e delle Forze dell’Ordine, gli autobus di Amat, pullman turistici, veicoli dell’Ente gestore “Rangers d’Italia”, veicoli diretti al Cerisdi, veicoli di servizio di Rap, Amat, Amap e Amg, veicoli dei residenti, portatori di handicap muniti di contrassegno e titolari attività commerciali con sede presso la Spianata della Sacra Grotta”.

Ma che cos’è questa “indulgenza”, e come si ottiene? Non basta ovviamente il solo passaggio attraverso la porta santa. Secondo la dottrina della Chiesa Cattolica, affinché si ottenga il perdono dei peccati è necessario “confessarsi, compiere atti di carità e penitenza, astenersi almeno per un giorno da fumo e alcool, partecipare a una Messa con una riflessione sulla misericordia, fare professione di fede e pregare per il Papa e secondo le intenzioni che egli «porta nel cuore per il bene della Chiesa e del mondo». L’indulgenza può essere ottenuta anche per i defunti”.

Teresa Fabiola Calabria

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi