PALERMO – Un vero e proprio arsenale di armi è stato scoperto all’interno di un’officina del quartiere Zisa, a due passi dal rinomato Castello. Il proprietario, G.C, meccanico 59enne incensurato, è stato dunque tratto in arresto dalla Polizia e condotto all’interno del carcere Pagliarelli con l’accusa di fabbricazione, detenzione e porto abusivo di armi e materiale esplodente.

All’interno del magazzino è stato rinvenuto un numero impressionante di armi, comprendenti pistole semiautomatiche complete di silenziatori, migliaia di proiettili dal cal. 22 al 44 magnum, varie parti di armi pronte all’assemblaggio, oltre ad una pressa utile alla fabbricazione di munizioni comprendente polvere da sparo, bossoli, inneschi e ogive. Era presente inoltre un vero e proprio poligono di tiro, per la prova delle armi.

All’interno dell’abitazione dell’uomo inoltre, sono stati rinvenuti altri quindici fucili che, anche se regolarmente denunciati, sono risultati essere illegalmente custoditi.

Teresa Fabiola Calabria

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi