PALERMO –  A pochi giorni dalla partenza della Ztl, i militanti di CasaPound con un’azione goliardica hanno affisso, in prossimità dei varchi di ingresso della zona a traffico limitato, dei cartelli con scritto: “Orlando, tassa le tue minchiate!”. “Inizia l’ennesima farsa della giunta Orlando – dichiara CasaPound Palermo in una nota – una tassa iniqua e degna dei peggiori viceré. La Ztl è una follia che obbligherà chi è residente in un quartiere del centro a pagare una tassa per poter circolare nella propria zona. Non è con l’ennesimo balzello che si educheranno i cittadini a non usare l’auto e si ridurrà l’inquinamento. Le grandi opere di questa città sono bloccate: la metropolitana, progetto validissimo, è stata accantonata, gli autobus sono pochi, scomodi, vetusti e poco frequenti. Se il trasporto pubblico a Palermo è disastroso, non basterà una semplice tassa per incentivare i cittadini a non utilizzare l’auto. È chiaro dunque che dietro l’intento bonario di introdurre la Ztl per motivi ecologici, si nasconde anche l’intenzione di fare cassa. A tal proposito, CasaPound ha una proposta: se il Sindaco tassasse tutte le sue promesse non mantenute e tutti i suoi errori, le casse comunali sarebbero stracolme e non ci sarebbe bisogno di mettere le mani nelle tasche dei palermitani, già abbastanza vessati dalla crisi”. “Ovviamente – conclude CasaPound – noi lanciamo la nostra proposta per la mobilità di Palermo: soppressione immediata della Ztl, blocco subitaneo delle nuove linee tranviarie, acquisto di nuovi autobus moderni ed ecologici e ripresa del progetto relativo alla metropolitana. Per attuare queste proposte, ci muoveremo già dalla prossima settimana con una raccolta firme in tutta la città”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi