PALERMO – Alternative Tours propone una nuova passeggiata culturale, che si svolgerà domenica prossima a partire dalle ore 10:00. La meta è costituita della grotte di Capo Gallo, in particolare la residenza di un curioso personaggio che pochi palermitani conoscono: si fa chiamare Israele, ed è l’eremita che abita un vecchio faro dismesso che egli ha decorato con ogni sorta di simboli religiosi, in particolare con riferimenti angelici e relativi a Cristianesimo Ebraismo e Islam.

Israele, che in realtà si chiama Nino, ha ormai una sessantina d’anni. Originario del quartiere Zen, conosciuto da tutti come un uomo mite e devoto, tanto da essersi guadagnato la nomea di “U Signuri”, ha deciso un giorno di lasciare moglie e figli per seguire quella che l’uomo ha definito come “la chiamata”, la missione di salvare le anime, e di ritirarsi in vita eremitica e solitaria.

Al di là dell’aspetto pittoresco della vicenda, che lasciamo ai nostri lettori decifrare, va detto che sicuramente meritano di essere visti i numerosi mosaici che ricoprono interamente il vecchio faro. Per questo motivo Alternative Tours – tramite prenotazione obbligatoria – permetterà ai visitatori, che dovranno essere almeno 20, di visitare quel luogo magico e misterioso. Con alcune precauzioni.

Si legge infatti sulla pagina evento su Facebook che si raccomanda ai visitatori “1) Si tratta di una salita di quasi 700 metri (circa 1h30 in salita) quindi è fondamentale munirsi di scarpe comode, acqua, cappellino, crema solare e simili. 2) Visto che si andrà a casa di Israele vi invitiamo a portargli degli strumenti per far si che il suo lavoro continui, come un sacco di cemento, colori o pennelli, pietre, materiali riciclati. Sarebbe bello dare una mano alla sua creatività”.

Il metodo di pagamento è quello del “paga quanto vuoi” con un contributo minimo di 10€ a persona. Per ultriori informazioni si può consultare la pagina Facebook: https://www.facebook.com/events/478505749023788/

Teresa Fabiola Calabria

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi