Riceviamo e pubblichiamo.

PALERMO – La Sicilia vera ed onesta ha dato in questi giorni un grande esempio della propria laboriosità e responsabilità tanto da ricevere risalto sui maggiori organi di informazione nazionali, oltre che ovviamente regionali.
Dalla Sicilia è partita la decisione dell’amministratore delegato della società di gestione dell’aeroporto Falcone-Borsellino di Palermo – GESAP, Dario Colombo, che ha rinunciato al premio di 60 mila euro riconosciutogli dal Consiglio di amministrazione per il conseguimento degli obiettivi nell’esercizio 2013, decidendo di lasciarli nel bilancio aziendale per essere reinvestiti nell’interesse della società e dei dipendenti.
Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale esprime grande ammirazione per il gesto di Dario Colombo che in tal modo ha voluto riconoscere l’impegno di tutti i lavoratori dell’aeroporto e soprattutto ha voluto dare il segnale forte e deciso che in tempi di crisi i sacrifici devono essere fatti a tutti i livelli e, quindi, principalmente da chi ricopre incarichi direttivi e di prestigio.
Fa riflettere la circostanza che un simile episodio, che dovrebbe costituire la regola in ogni azienda pubblica e privata, venga riportato dagli organi di stampa come un evento straordinario, ma ci riempie di orgoglio il fatto che tale esempio di onesta e corretta amministrazione parta dalla Sicilia e da un uomo che ha a cuore le sorti della sua terra.
Dal siciliano Dario Colombo dovrebbero sicuramente prendere esempio quei funzionari del Comune di Genova che invece, pochi giorni prima dell’alluvione, hanno ricevuto un premio per aver messo le cose a posto e che invece così a posto proprio non si sono rivelate alla luce dei gravi fatti verificatisi nel capoluogo ligure.

Il portavoce di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale, Sicilia orientale

Sandro Pappalardo

Scrivi