Allo Stadio Renzo Barbera il Palermo non riesce ad ottenere la terza vittoria consecutiva in campionato dopo i successi contro Genoa e Udinese nelle prime due giornate e deve “accontentarsi” del pari contro un Carpi cinico e determinato. Finisce 2-2 alla Favorita. Un match frizzante sin dalle prime battute grazie alla brillantezza dei rosanero e alla velocità nelle ripartenze degli emiliani.

Iachini deve rinunciare all’acciaccato Rigoni: dentro Quaison al fianco di Vazquez con Gilardino, all’esordio, punta centrale. Nel Carpi ci sono in campo gli ex Benussi e Zaccardo. In avanti Mbakogu e Matos. Palermo avanti al 7′: azione tutta di marca svedese. Quaison si beve Lollo sulla sinistra e mette in mezzo un pallone che Hiljemark deve soltanto mettere in rete. Il Palermo preme disordinatamente e non riesce a raddoppiare nonostante per Vazquez e Gilardino capitino occasioni importanti. Il Carpi, comunque, non sta a guardare e dopo un’azione che vede protagonista Fedele, che non riesce a sfruttare al meglio l’ottimo assist di Matos riesce a pareggiare al 24′: cross di Mbakogu e Vitiello, pressato da Matos in area realizza una clamorosa autorete. Tutto da rifare per i siciliani che ci provano già al 32′, sempre con Quaison che viene fermato da Benussi con i piedi. Nella ripresa il primo quarto d’ora è tutto di marca rosanero. Tanto possesso palla ma di azioni realmente pericolose non se ne vedono. Dalla panchina, al 17′ del secondo tempo, Castori prova a cambiare la partita: fuori Mbakogu, dentro Borriello, alla prima con la maglia del Carpi. L’ex bomber di Roma e Genoa ci mette appena 60” per presentarsi con la nuova tifoseria e ammutolire il pubblico di fede palermitana. Matos libera perfettamente il compagno di reparto che incrocia bene e batte Sorrentino. Il Palermo proprio non ci sta a perdere la partita. Iachini prova a cambiare qualcosa e sempre dalla panchina si decidono le sorti dell’incontro: è infatti Djurdjevic, subentrato a Gilardino, a realizzare al 42′ la rete che gela gli emiliani e rimanda la prima vittoria dei neopromossi in Serie A.
PALERMO – CARPI 2-2 (1-1)
GOL
:  7’ Hiljiemark, 24’ Vitiello (autogol); nel s.t. al 17’ Borriello, 42’ Djurdjevic.
PALERMO (3-5-2): Sorrentino; Vitiello, Gonzalez, El Kaoutari; Rispoli, Hiljemark (31’ st Trajkovski)Quaison, Jajalo (38’ st Maresca), Lazaar; Vazquez, Gilardino (18’ st Djurdjevic). A disp.: Alastra, Colombi, Andelkovic, Goldaniga, Daprelà, Brugman, Chochev, Cassini. All.: Iachini.
CARPI (3-5-2): Benussi; Zaccardo, Bubnjic, Gagliolo; Letizia (33’ st Wallace), Lollo, Bianco (37’ st Lazzari), Fedele, Gabriel Silva; Matos, Mbakogu (17’ st Borriello). A disp.: Brkic, Belec, Romagnoli, Iñíguez, Gino, Martinho, Di Gaudio, Lasagna.All.: Castori.
Arbitro: Gavillucci di Latina (Costanzo di Orvieto-De Troia di Termoli, quarto ufficiale Marrazzo di Tivoli, addizionali Russo di Nola e Ripa di Nocera Inferiore).
Note: ammoniti Gagliolo, Bianco, El Kaoutari, Gonzalez, Vazquez, Gabriel Silva.

 
 

Scrivi