Trasferta amara per i rosanero. La Roma batte 5-0 il Palermo all’Olimpico nel posticipo della 26^ giornata di campionato. Reti giallorosse di Dzeko (doppietta), Keita e Salah (due reti anche per l’egiziano).

Iachini torna sulla panchina rosanero dopo tre mesi dall’ultima sfida. Il tecnico di Ascoli si affida al modulo che gli ha regalato maggiori soddisfazioni, il 3-5-2. Davanti ad Alastra, i difensori sono Struna, Gonzalez e Andelkovic. Pezzella viene schierato per la prima volta dal 1’ sulla sinistra, mentre sull’altra corsia c’è Morganella. Hiljemark, Brugman e Jajalo sono i tre centrocampisti, mentre Vazquez e Gilardino formano il tandem d’attacco. Spalletti risponde un 4-3-1-2 con Nainggolan schierato da trequartista alle spalle di Dzeko e Salah.

Niente paura. L’avvio del Palermo, con il lutto al braccio per ricordare il padre di Goldaniga, è ottimo. Anche se Szczesny non viene mai impegnato, i giallorossi restano lontani dalla porta di Alastra. Soprattutto i rosanero sembrano essere ben disposti in campo e a loro agio in un modulo che conoscono molto bene. La Roma sembra soffrire anche il clima dell’Olimpico, evidentemente scosso dal “caso Totti”. Il primo tiro della partita, al 12’, è di Salah. L’egiziano calcia alto dal limite dell’area.

Con il passare dei minuti gli uomini di Spalletti prendono però campo. Il ritmo della manovra della Roma mette in difficoltà Gonzalez e compagni, con Maicon che in particolare crea più di un problema sulla destra. Al 26’ Giacomelli ignora le proteste dei padroni di casa per un contatto in area rosanero fra Nainggolan e Vazquez. Due minuti più tardi, Dzeko spreca clamorosamente a porta vuota un assist “al bacio” di Maicon.

Il bosniaco si riscatta al 30’, portando in vantaggio la Roma. Metà dei meriti del gol dell’1-0 vanno però a Pjanic, che crossa splendidamente dalla destra per il numero 9. Struna non arriva sul pallone, Dzeko controlla e spara di sinistro alle spalle di Alastra. Jajalo prova immediatamente a suonare la carica per i rosanero, ma Szczesny blocca in due tempi il destro del croato. Nel finale del primo tempo Pjanic centra il palo su punizione dal limite guadagnata da Dzeko.

Nella ripresa la squadra di Spalletti entra in campo determinata a chiudere la pratica il prima possibile. Già al 2’ i rosanero rischiano. Nainggolan recupera palla su un “velo” di Vazquez, il belga va via sulla sinistra e crossa per Maicon, che da posizione defilata cerca l’eurogol ma non trova la porta. Cinque minuti più tardi la Roma raddoppia. Angolo dalla destra di Florenzi, sfiora Dzeko, Keita ha il tempo di controllare il pallone e di battere con il sinistro Alastra.

L’unico vero squillo del Palermo arriva da palla inattiva. Su angolo di Trajkovski, entrato al posto di Brugman, Struna stacca più in alto di tutti non trovando però la porta. E’ l’ultima vera possibilità di riaprire la partita per i rosanero. La formazione di Spalletti dilaga fra il 15’ e il 17’. Pjanic avanza centralmente e passa a Dzeko, che anticipa Andelkovic e serve di prima Salah. Il numero 11 riceve in area e batte Alastra con un diagonale mancino. L’egiziano si ripete due minuti più tardi con una magia. Nainggolan scappa via in contropiede e crossa per Salah, che viene stoppato in uscita da Alastra. Il trequartista giallorosso non si arrende e dalla linea di fondo “pesca il jolly”, con un sinistro a giro che finisce incredibilmente in rete.

La sfida si chiude sostanzialmente qui. Nel Palermo c’è tempo per gli ingressi di Maresca e Djurdjevic, in campo per Vazquez e Gilardino. L’Olimpico esulta invece per il ritorno in campo, dopo una lunghissima convalescenza, di Kevin Strootman. C’è purtroppo poco da ridere, al termine della trasferta romana, per i rosanero. Anche perché, al 44′, Dzeko firma la doppietta personale con un potente colpo di testa su cross di Perotti (subentrato a Salah). Il Palermo resta a quota 26 punti, a più tre sul Frosinone e con una sfida, quella contro il Bologna di domenica prossima, da vincere assolutamente. (fonte palermocalcio.it)

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi