PALERMO – Stamattina il traffico di Palermo, di norma caotico, si è ingarbugliato ancora di più, a causa dello sciopero proclamato dai sindacati Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e dall’autonomo Csa, partito da piazza Marina e diretto alla sede dell’ARS, dove però non sono riusciti ad arrivare, in cui nelle stesse ore l’on. Musumeci stava illustrando il suo nuovo progetto politico, “Diventerà bellissima”.

Il vulnus scatenante pare attribuibile alle paure dei dipendenti dell’ ex Ente Provincie di essere messi in mobilità, a causa dei recenti tagli del governo nazionale che hanno “mandato in pensione” le 9 Province nell’isola con la riforma approvata dall’ARS  lo scorso marzo.

Alle 13:00 i sindacati hanno poi incontrato il governatore della Sicilia Rosario Crocetta, per poi proseguire in direzione del Palazzo dei Normanni per confrontarsi con il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone e i capigruppo dell’Assemblea regionale.

Teresa Fabiola Calabria

Scrivi