PALERMO – Una proposta di legge che sancisca il diritto alla legittima difesa senza per questo sfociare nel far west. Questa in parole povere l’essenza della raccolta firme – che nella prima settimana ha registrato già 15 mila adesioni – promossa da Italia dei Valori nel corso di una conferenza stampa svoltasi oggi all’interno dell’aula Rostagno a Palazzo delle Aquile, a cui hanno preso parte il segretario nazionale Ignazio Messina, il consigliere comunale Paolo Caracausi, il segretario regionale Salvatore Messana. 

Idv_legittima_difesa_sala_lapidi_comune_palermo1Questi gli obiettivi della proposta di legge, -già sottoposta all’esame delle due Camere e arrivata in Cassazione- esposti dal segretario nazionale Messina che ha esordito rivendicando con orgoglio l’iniziativa legislativa:”L’Italia dei Valori, a differenza di altre forze politiche come la Lega, non si limita a gridare ma agisce, e lo fa venendo incontro alle esigenze dei cittadini. Voglio sia chiaro fin da subito che questa nostra proposta di legge non promuove il far west: non è che se il ladro entra in casa e poi scappa, il cittadino è autorizzato a sparare per le strade. Il discorso è che se io sono dentro la mia abitazione, dentro il mio esercizio commerciale, ed entra un ladro armato e mi minaccia mettendo in pericolo la mia vita, io devo essere libero di difendermi” senza però correre il rischio di venire incriminati per eccesso colposo di legittima difesa, reato che come si legge all’interno della proposta di legge, viene abrogato.

Altro punto focale della proposta di legge, la spinosa questione della certezza della pena. Continua Messina: “Attualmente la pena prevede la galera da 6 mesi a due anni. Noi invece vogliamo portarla fino a 6 anni, includendo gli incensurati: non importa cioè se vieni colto in fallo la prima volta o la decima volta, finisci comunque in galera. Al massimo -conclude- puoi sperare in uno sconto di pena per buona condotta”.

Abolito infine il risarcimento danni a favore del ladro: “All’interno di questo disegno di legge -conclude Messina – è prevista l’abolizione del risarcimento danni per il ladro che non potrà più denunciare chi stava derubando, accusandolo di lesioni e facendolo finire paradossalmente in galera, al posto di chi lo meriterebbe davvero”.

“Italia dei Valori si schiera ancora una volta dalla parte dei cittadini onesti – ha detto il consigliere comunale Paolo Caracausi – a breve in tutte le circoscrizioni saranno disponibili i moduli per firmare, ma il partito predisporrà anche dei banchetti in vari punti della città. Questa legge punisce i criminali e tutela gli onesti, senza lasciare spazio al far west”. 

Teresa Fabiola Calabria

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi