di Lilia Scozzaro

Domenica 10 maggio ore 18:15,  l’Oratorio della Carità di San Pietro ai Crociferi ospiterà  Francesco Manara e Francesco De Zan. E’ un appuntamento  con la rassegna “Concerti in uno scrigno d’Arte”,  la stagione concertistica è promossa dall’Associazione Filarmonica “E. Sollima”.

FrancescoManaraFrancesco Manara primo violinista dell’ Orchestra e del Quartetto del Teatro alla Scala, scelto nel 1992 da Riccardo Muti per ricoprire il ruolo. L’anno successivo vinse  il primo premio al  Concorso Internazionale di Ginevra. Francesco Manara spazia da Bach ai contemporanei. Ha fondato il “Trio Johannes”, vincendo il secondo premio al Concorso Internazionale di Musica da Camera di Trieste e a quello di Osaka. Insegna violino presso l’Accademia Internazionale Superiore di Musica “L. Perosi” di Biella e presso l’Accademia della Scala.  Masterclasse alla Manhattan School di New York.

 

 

Francesco De Zan, uno dei più singolari pianisti della sua generazione, diplomato al Conservatorio di Padova,  si è perfezionato  con G. Gorini, E. Fischer e A. Weissemberg. Svolge intensa attività concertistica in Italia e all’estero per prestigiose associazioni concertistiche e importanti festival musicali.
Il suo è un repertorio cameristico e collabora con musicisti di fama internazionale: Francesco Manara, Valery Oistrakh e Stefano Pagliani, i violoncellisti Christophe Coin e Patrick Demenga e il contrabbassista Franco Petracchi. Attualmente è docente di Musica da Camera presso il Conservatorio di Cosenza.

In questo nuovo appuntamento i due artisti eseguiranno musiche composte tra l’ultima parte del Settecento e la fine del secolo successivo, inizieranno dalla Sonata n. 33 in mi b magg. K 481 di W. A. Mozart, composizione appartenente al periodo nascente del repertorio per questo genere di formazione. Subito dopo, la Fantasia, op. 20 su temi del Trovatore di Verdi di Camillo Sivori, esecuzione riguardante il filone delle rielaborazioni di temi, derivati dal repertorio operistico che si diffuse considerevolmente nel corso dell’Ottocento.
Completeranno il programma la Romance in fa min. op. 11 di Dvořák e la Sonata in do min. op. 45 di Grieg, opera orientata alla musica popolare scandinava
Informazioni: T. 338 7850919 – filarmonica.sollima@libero.it

L.S.

Scrivi