PALERMO – Un vero e proprio “Patto per Palermo” quello che verrà siglato in giornata fra il primo cittadino Leoluca Orlando e il premier Matteo Renzi in visita oggi nel capoluogo siciliano. Il meeting, inizialmente previsto per le ore 18:30 al Teatro Massimo, è stato spostato alle 15:30 prezzo l’ex deposito Roccella -fonte Palermo Today-.

Fulcro dell’incontro la somma di circa 700 milioni di euro che verranno investiti in vari settori, il più sostanzioso dei quali riguarda il trasporto pubblico, in particolare il tram, con un importo complessivo totale di 521 milioni.

Gli altri investimenti, come riporta una nota rilasciata in queste ore da Palazzo delle Aquile riguardano urbanistica e mobilità green: “Altri 110 milioni di euro saranno destinati agli interventi per la sicurezza della circonvallazione (compresi i ponti) e alla mitigazione del rischio di frane e crolli lungo i costoni che circondano la città. Sul fronte della mobilità dolce si collocano anche gli interventi per il potenziamento del bike e car-sharing e quello, sovracomunale, che prevede la realizzazione di una “Green way” da Palermo a Monreale, lungo il tracciato della vecchia linea ferrata”. 

“Con riferimento agli interventi di valenza sovracomunale e di riqualificazione di spazi urbani gli interventi specifici riguardano la realizzazione di un parcheggio multipiano nell’area dell’ospedale Civico-Di Cristina, la già citata greenway tra Palermo e Monreale e interventi di riqualificazione dei centri storici di Santa Cristina Gela, Ficarazzi e del capoluogo. Per la sicurezza e la riqualificazione urbana, alcuni interventi riguarderanno anche il potenziamento della rete di comunicazioni usata dalla Polizia Municipale di Palermo a servizio anche delle Polizie dell’area Metropolitana. Rientra fra gli interventi di riqualificazione urbana anche la realizzazione di due Poli scolastici onnicomprensivi innovativi (uno nell’area nord e uno nell’area sud della città), per complessivi 32 milioni di euro. Infine, prevista anche la creazione un laboratorio di idee programmato, partecipato e coerente con i temi del lavoro e dell’innovazione nell’area metropolitana, con attivazione di un network di professionisti (stakeholder, giovani imprenditori e associazioni già attive sul mercato del lavoro) capace di stimolare lo sviluppo del lavoro autonomo nell’area di riferimento, compreso interventi infrastrutturali nell’area dell’ex Fiera del Mediterraneo”.

Anche la cultura avrà dei fondi a disposizione: “Circa 23 milioni andranno al settore della cultura e del turismo, con un grosso intervento che vede nel Teatro Massimo il cuore del potenziamento delle attività culturali in città: interventi sono previsti sia per il restauro della struttura che per la realizzazione di servizi volti a favorire la fruizione da parte dei cittadini, anche riferiti agli altri poli culturali della città (GAM, Accademia, Biondo, FOS, ecc)”.

Per il potenziamento del wi-fi pubblico, previsti “oltre 2,5 milioni saranno destinati al potenziamento della rete telematica pubblica della città, sia a servizio degli uffici sia a servizio del wi-fi pubblico”.

Grandi assenti invece, stando almeno alle ultime indiscrezioni, il Palasport e il teatro Montevergini, cui non viene fatto il minimo cenno e dei quali la cittadinanza avverte un bisogno sempre più crescente.

Teresa Fabiola Calabria

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi