PALERMO – “Leoluca Orlando, il sindaco lo sa fare”: questo lo slogan della campagna elettorale 2012 che ha visto il passaggio di testimone tra Orlando appunto, e Diego Cammarata. E bisogna dire la verità, molte cose sono state fatte anche piuttosto bene. Come altre sono state fatte meno bene.

La recente classifica stilata dal “Sole 24 ore” sui sindaci più amati (che potete leggere per intero qui) però, si è rivelata piuttosto in disaccordo con lo slogan del 2012: il sindaco di Palermo, infatti, risulta solo al 43esimo posto.

Duro il commento dei consiglieri comunali di Idv, Paolo Caracausi e Filippo Occhipinti, che sulla classifica stilata da “Il Sole 24 ore” -che vede Leoluca Orlando perdere oltre 17 punti- hanno dichiarato: “Ci aspettavamo un posizionamento ancora più basso, visto lo stato della città in termini di pulizia e servizi. Il sindaco paga lo scotto di una giunta e di rappresentanti delle partecipate non all’altezza della situazione”.

“Dopo tre anni crediamo che sia arrivato il momento di cambiare passo e di dare una svolta all’amministrazione della città – continuano Caracausi e Occhipinti – ci auguriamo che il sindaco approfitti anche di questo sondaggio per cambiare parte della giunta e dei rappresentanti delle partecipate, prima di trovarsi alla fine della consiliatura all’ultimo posto della classifica”.

Alla notizia dell’uscita della classifica, Leoluca Orlando ha così commentato: “Ho passato due anni da formica isterica, preoccupato di evitare il fallimento del Comune dopo anni di ruberie e falsi in bilancio nelle partecipate. Il 55%? Non merito tanto. Avrei fatto quello che ho fatto, comprese le scelte impopolari, anche sapendo che avrei preso il 54%”.

Teresa Fabiola Calabria

Scrivi