PALERMO – C’è stato un tempo in cui in Sicilia non c’era “tolleranza” delle diversità, ma una partecipazione sociale condivisa dell’appartenenza, una confluenza di culture diverse che nell’arte trovano la loro massima espressione. A pochi mesi dall’ingresso nella World Heritage List dell’Unesco del Percorso Arabo Normanno di Palermo, Cefalù e Monreale, si svolgerà per tutto il mese di novembre “Tra Terra e Cielo. La visione trascendente, percorsi Arabo Normanni tra Monreale, Palermo e Cefalù”, una iniziativa direttamente promossa dalla Regione Siciliana – assessorato Beni Culturali e Identità siciliane (Servizio VI –Valorizzazione del Patrimonio culturale del Dipartimento Beni Culturali) con la Sovrintendenza BB.CC. di Palermo, realizzata da Mda Produzioni Danza in collaborazione con i comuni coinvolti e le Diocesi di Palermo, Cefalù e Monreale, che è stata presentata stamattina nella Sala Rossa dell’Ars a Palazzo dei Normanni.

Alla conferenza stampa hanno presenziato il vice presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Giuseppe Lupo; il neo assessore regionale al Turismo Anthony Barbagallo; Aurelio Angelini direttore in Sicilia della Fondazione Patrimonio Unesco; Ignazio Zuccaro assessore del Comune di Monreale; Paolo Pasquini, docente di teatro e direttore artistico del Festival Dantesco; Aurelio Gatti direttore artistico di Mda Produzioni Danza; Valeria Patrizia Li Vigni, direttore del Museo regionale Riso, l’architetto Marcello Panzarella.castello_zisa

Il Palazzo Reale con la Cappella Palatina, il Palazzo della Zisa, il Ponte dell’Ammiraglio e poi le costruzioni dedicate al culto, cioè la chiesa di San Giovanni degli Eremiti e quella di San Cataldo, la chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio, la cattedrale di Palermo, la Cattedrale e il chiostro di Cefalù e Monreale, sono opere che surclassano ogni definizione che le circoscriva all’ambito dell’architettura, dell’estetica, dell’arte o della storia. Per il progetto “Tra Terra e Cielo. La visione trascendente” tra Monreale, Cefalù e Palermo dall’11 al 27 novembre saranno organizzati 18 iniziative a ingresso gratuito che invitano il pubblico ad approfondire in modo “diverso” la conoscenza di questi luoghi attraverso un approccio esperienziale fatto di musica, danza, teatro e workshop, affinché si possa vivere una “permanenza nella visione”.

Come diceva il pittore svizzero Paul Klee “Scopo dell’arte non è rappresentare il visibile ma rendere visibile l’invisibile”. Da questa suggestione è nato il progetto che invita il pubblico tutto, laico e credente, ad approfondire la conoscenza di questi luoghi attraverso esperienze diverse, per riuscire ad avvicinarsi in modo “nuovo” a un patrimonio che “supera se stesso” in ogni contesto, che si ripropone originale e autentico in ogni epoca, moda o cultura, perché da sempre estraneo alla rigidità di un solo canone e intimamente ispirato alla solarità e sensualità propria del Mediterraneo.

Protagonisti di questo primo progetto, oltre ai contributi scientifici, conoscitivi e specialistici, saranno la danza, la musica, la poesia e il teatro, per far sì quelle opere tornino a essere “luoghi e spazi de la vita di omini e donne per cui vennero pensati”. Perché la visione trascendente, che nulla ha a che fare col primato dell’immagine della nostra epoca, è strettamente correlata all’esperienza visiva e sensitiva che l’opera suscita nella persona: all’ombra di cattedrali, negli interni vertiginosi, nella silhouette che si staglia sul panorama, lo stupore per la quantità e la qualità di forme e cromatismi, il senso di apprensione per quanto il nostro occhio potrà cogliere e per quant’altro perderà. E’ una visione distante dalla contemplazione, perché ci si ritrova catturati in una serie infinita di rimbalzi, dal particolare al totale, e in questo dinamismo – non solo ottico – si sorpassa il limite della conoscenza e della realtà tangibile.

«Questa iniziativa si inserisce in un progetto più ampio – ha detto Aurelio Angelini, direttore in Sicilia della Fondazione Patrimonio Unesco – che intende valorizzare il patrimonio culturale della Sicilia, regione che vanta il maggior numero di siti riconosciuti patrimonio Unesco. Ora è nostro compito fare in modo che questo riconoscimento non sia solo “formale” ma che diventi valore per tutta la comunità, ed elemento di coesione del nostro territorio. Nel 2016 infatti sono previste una serie di iniziative che riguarderanno proprio i siti Unesco che avranno come punto di forrza il binomio valorizzazione e tutela»

«Ci sta a cuore – ha detto Aurelio Gatti, direttore artistico di Mda Produzioni Danza e del progetto “La visione trascendente” – che il luoghi del patrimonio culturale non vengano utilizzati come “affitta camere”. Secondo noi esiste un modo migliore di valorizzare il patrimonio culturale, ovvero portando in queste straordinarie testimonianze realizzate dall’opera di più uomini, capaci di fondere trascendenza ed esistenza in un unicum, eventi culturali affinchè i fruitori non si limitino ad una mera visita (stimata mediamente di 17 minuti), ma che possano avere l’opportunità di permanere e vivere questi siti, creando una vera e propria “comunità culturale”».

Per il programma con i vari appuntamenti: Programma Visione trascendente

T.C

Scrivi