Il Jazz  avrà a  Palermo un suo luogo, nel cuore della città nasce il “Palermo Jazz Club”. Numerose le presenze nazionali ed internazionali, dando spazio alla realtà musicale ed artistica locale, non meno importante.

4 Dicembre 2014, Stjepkogut  Quartet, Clark Terry Tribute

Stjepko Gut tromba e flicorno

Rino Cirinnà sax tenore

Giovanni Mazzarino pianoforte

Nello Toscano contrabbasso

Marcello Arrabito batteria

Stjepko Gut è nato nel 1950 in Jugoslavia.

Ha suonato nell’orchestra di Woody Herman e con musicisti del calibro di Lionel Hampton, Clark Terry, Curtis Fuller, Mel Lewis, Joe Newman, Sal Nistico, Clifford Jordan, Frankie Dunlop e Horace Parlan.

Attualmente insegna alla Music Academy di Graz ed è direttore e leader della RTS Big Band. Vive tra New York, Graz e Belgrado, svolgendo un’intensa attività concertistica.

Di lui, il celebre compositore e contrabbassista Chuck Israels ebbe a dire: «Ci sono molti bravi musicisti nel mondo che sono, per qualche ragione, ben conosciuti solo nel loro territorio. Steve Gut è uno di questi. Tutto è perfetto nel suo modo di suonare: l’intonazione, il timbro, il ritmo, il linguaggio, l’improvvisazione jazz. Se ti trovi vicino al luogo dove lui suona devi cogliere al volo l’occasione di andare a sentirlo suonare».

unnamed11 Dicembre 2014, Paolo Passalacqua Trio

Paolo Passalacqua pianoforte

Riccardo Lo Bue contrabbasso

Giuseppe Madonia batteria

Il pianista e compositore marsalese Paolo Passalacqua è noto al pubblico degli appassionati di jazz e agli addetti ai lavori come uno dei più richiesti sideman dell’entourage musicale siciliano.

Ha collaborato con musicisti del calibro di Ted Curson, Bianca Morales, Paul Jeffrey, Caroline Breuer, Norma Winstone, Shela Jordan, Stefano D’Anna e con tanti altri. Il trio, di cui il pianista è leader, è una formazione costituitasi a Palermo nel 2005 con l’intento di rivisitare e valorizzare la cultura degli standard americani attraverso una interpretazione tipicamente mediterranea. Il trio propone un repertorio eterogeneo in grado di ricreare atmosfere autenticamente jazzistiche senza però tralasciare il talento compositivo del leader, che attinge anche dalle sue composizioni, con brani di indiscussa sensibilità musicale.

18 Dicembre 2014, Alessandra Mirabella Quintet feat. Max Ionata Sentimental Mood

Alessandra Mirabella voce

Max Ionata sax tenore

Giovanni Mazzarino pianoforte

Riccardo Fioravanti contrabbasso

Stefano Bagnoli batteria

Fedele alla tradizione jazzistica, Alessandra Mirabella intende la ricerca vocale come indagine di un suono intimo e profondo, “crooneristico” (per crooner si intende uno stile vocale “sussurrato”). La voce, strumento potente e misterioso, rivela in maniera non mediata l’intelligenza e l’immaginazione presenti nel suono. La cantante, facendo leva su tutte quelle qualità vocali vicine al parlato e al sentimento confidenziale, interpreterà riarrangiamenti di standard statunitensi. Ad accompagnarla ci sarà una ritmica di grande spessore artistico e tecnico: Giovanni Mazzarino al piano (suoi anche gli arrangiamenti), Riccardo Fioravanti al contrabbasso e Stefano Bagnoli alla batteria. A impreziosire ulteriormente la formazione sarà Max Ionata, uno dei maggiori sassofonisti italiani della scena jazz contemporanea, che ha all’attivo la pubblicazione di oltre settanta dischi e numerose collaborazioni con i più importanti musicisti italiani e internazionali.

Il Palermo Jazz Club ha avviato la campagna abbonamenti per la stagione concertistica 2014/2015.

Il cartellone è di assoluto prestigio.
Esiste la possibilità, oltre, l’abbonamento, di acquistare il biglietto per ogni singolo concerto.

La musica è preziosità dell’anima, è crescita interiore dell’individuo, motore di sviluppo socio-economico per il territorio.

www.palermojazzclub.it

 

 

Scrivi