PALERMO – Torna anche quest’anno “La notte dei Musei”, iniziativa promossa dal Consiglio d’Europa, che permetterà, stanotte, per la precisione dalle 10:00 alle 24:00, di visitare alcuni tra i principali musei e luoghi di interesse culturale, al prezzo simbolico di un euro.

Tante le iniziative in programma, pensate per accontentare un po’ tutti. A Palazzo Branciforte ad esempio, -si consiglia la prenotazione allo 0918887767- sono previste visite guidate ogni 45 minuti, con possibilità di ammirare le collezioni all’interno del Palazzo stesso. Le visite, in questo caso, partiranno alle 19:30.

Per chi fosse appassionato dei pupi siciliani, poi, si potrà visitare il Museo delle marionette Antonio Pasqualino, dalle 19 in poi. Protagonisti assoluti i pupi, che offriranno agli spettatori spettacoli ogni ora, e senza nemmeno bisogno di pagare l’euro previsto. L’ingresso infatti, in questo caso, è totalmente gratuito.

Aperto alle visite anche il Museo Pitrè che offrirà, dalle 19:00 alle 21:00, la possibilità di visionare oltre 4.000 utensili e manufatti che possono essere catalogati nell’ambito dei mestieri di una volta. Aperte le sezioni dedicate ad arti e mestieri, fiore all’occhiello delle collezioni Pitrè.

Siete appassionati di tutto ciò che riguarda i minerali e il loro variegato universo? C’è un’iniziativa anche per voi. 

L’associazione GEODE Onlus, infatti, propone presso il Museo di Mineralogia di Palermo (via Archirafi, 36) visite guidate gratuite ed esperienze didattiche per grandi e piccini.

museo_mineralogia_palermoIl Museo sarà aperto gratuitamente dalle 19:00 alle 23:00 e quest’anno per l’intera serata si svolgerà l’iniziativa “Vere o False? Porta le tue gemme”: due gemmologi saranno a disposizione dei visitatori per, analizzare e dare una valutazione di massima delle pietre preziose che gli saranno sottoposte.

Gli esperti del Museo di Mineralogia offriranno inoltre ai visitatori un percorso didattico all’interno della materia, dal macroscopico al microscopico. L’interpretazione del territorio attraverso la materia, le rocce, i minerali, contribuisce alla lettura e alla ricostruzione non solo dell’evoluzione geologica di luoghi e paesaggi, ma anche della storia recente di quei luoghi, contrassegnati da conflitti sociali, in cui più gravi sono stati lo sfruttamento delle risorse naturali e, in particolare, il lavoro nelle cave e nelle miniere.

Se poi, dopo tutto questo andare in giro, doveste trovarvi con la gola asciutta, quale migliore occasione di visitare il Museo del Vino, in cui verranno offerte degustazioni gratuite dei vini dell’azienda Pellegrino di Marsala, servite dagli  allievi dell’Istituto alberghiero Francesco Paolo Cascino di Palermo,  fino alle ore 00:30.

Teresa Fabiola Calabria

 

Scrivi