PALERMO – L’Hospice dell’Ospedale Cervello entra sotto il protettorato di Gerusalemme. Il custode di Terra Santa Fra’ Pierbattista Pizzaballa ha infatti assegnato alla struttura dell’Ospedale Cervello la bandiera simbolo del più importante luogo della cristianità sancendo così il gemellaggio fra il reparto ospedaliero e la città santa. La cerimonia è avvenuta ieri sera a Villa Niscemi nel corso della manifestazione dedicata ai 15 anni della Bone Hope onlus, l’associazione che ha dato vita e sostiene l’attività dell’Hospice dell’Ospedale Cervello. E’ stato il presidente dell’associazione Vincenzo Meola a dare notizia del gemellaggio, presentando la bandiera che sarà esposta all’ingresso dell’Hospice.

Un’iniziativa che ha ricevuto anche l’imprimatur da parte della Santa Sede, soprattutto dopo il recente appello di Papa Francesco a favore delle cure palliative. Il Vaticano è stato protagonista della serata grazie anche all’iniziativa dello stesso Pontefice che ha voluto donare ai giocatori del Palermo Franco_VasquezFranco Vasquez e Paulo Dybala due papaline bianche e due rosari, ricambiando così l’attenzione che i due giocatori argentini avevano avuto nei mesi scorsi nei suoi confronti con l’invio di due maglie rosanero. Franco Vasquez ha ritirato personalmente ieri sera il regalo del Santo Padre, mentre la papalina per Paulo Dybala, assente ieri sera, è stata consegnata alla madre Alicia dal presidente della Bone Hope Vincenzo Meola che ha anche letto un messaggio di Papa Francesco. Franco Vasquez insieme al croato Mato Jajalo hanno partecipato alla manifestazione della Bone Hope in veste privata, invitati dal club Cavalieri Rosanero, presieduto dal direttore dell’Hospice del Cervello, Giuseppe Peralta.

gemellaggio Cervello_GerusalemmeHa partecipato alla manifestazione anche il vice presidente del Palermo calcio Guglielmo Miccichè che ha avuto parole di apprezzamento per l’attività portata avanti dalla Bone Hope e dall’Hospice del Cervello. Il reparto diretto da Peralta fra l’altro ha incassato ieri sera da parte del gruppo Riolo auto un assegno di 3058 euro frutto dalla raccolta fondi che le concessionarie hanno portato avanti nei mesi scorsi con l’iniziativa “Riolo adotta l’Hospice”. Per ogni intervento di officina effettuato i clienti hanno infatti donato cinquanta centesimi, mentre altri cinquanta centesimi sono stati aggiunti da Riolo auto. E’ stata Iolanda Riolo, responsabile del gruppo ha consegnare l’assegno a Giuseppe Peralta.

La manifestazione si è chiusa con un’applaudita esibizione del cantante lirico, il soprano palermitano Laura Giordano e degli orchestrali del Teatro Massimo.

T.C

Scrivi