La Pgs riparte. In realtà l’attività sportiva non si è mai fermata, ma riparte, dopo un anno di assenza, il progetto pallamano. Si ricomincia, in pratica, dal punto in cui ci si era fermati: la Serie B e la sfida di sabato 24 ottobre alle 19 a Scicli. La Pgs Risurrezione di Riccardo Tomasello e Gianfranco Buccheri, nel frattempo, è cresciuta: l’anno di stop alla pallamano agonistica è servito a creare, plasmare e rinforzare il settore giovanile. Operazione complessa, se è vero che la pallamano non ha la copertura mediatica di sport come calcio, basket o volley ed è, quindi, poco conosciuta dai ragazzi più giovani. In casa Pgs si è lavorato proprio su questo: avvicinare i bambini alla pallamano, anche grazie all’apporto dei giocatori che hanno fatto conoscere il nome Pgs nel panorama della pallamano nazionale. Si riparte, dunque, forse con più entusiasmo di prima, per affrontare un campionato difficilissimo, con numerose squadre blasonate che hanno rinunciato alla Serie A2 per questioni economiche e che, adesso, si ritrovano a dover ripartire dalla B. La Pgs non ha nessuna intenzione di diventare il vaso di terracotta in mezzo ai vasi di ferro: la nuova stagione è stata programmata nei minimi dettagli con diverse novità rispetto al passato. Gianfranco Buccheri lascia la panchina a Gaetano Parisi, per ricoprire il ruolo di dirigente. La preparazione atletica, invece, è stata affidata a Luigi Caserta che ha avuto l’ingrato compito di  far ritrovare la forma ad atleti fermi ormai da un anno. «Operazione riuscita – dichiara Luigi Caserta – i ragazzi saranno pronti per la prima partita di campionato perché hanno lavorato duro. L’impegno non è mancato e questo è fondamentale». A prescindere dalle questioni sportive, il presidente Riccardo Tomasello non nasconde la sua soddisfazione: «E’ un momento di gioia e di condivisione. Finalmente la Pgs ritorna nel mondo della pallamano. C’è grande entusiasmo e voglia: quest’anno abbiamo deciso di aumentare l’attenzione alla preparazione fisica. Il campionato sarà difficile, ma ci vedrà grintosi, pieni di volontà e di voglia di aggregazione». Non vede l’ora di cominciare anche Gianfranco Buccheri, che dalla panchina è passato alla scrivania: «La realtà odierna non è certo come quella del passato, in cui avevamo una continuità che ci ha permesso di rimanere per diversi anni a un certo livello. Quest’anno si riparte con l’obiettivo di ritornare in alto. La volontà non manca e i ragazzi si stanno impegnando davvero tanto. La verità? Non lo diciamo troppo forte, ma vogliamo vincere». Primo impegno, dunque, per la Pgs che sarà ancora capitanata da Luca Oddo, a Scicli sabato 24 ottobre alle 19. Prima in casa al PalaNitta di Librino domenica 1 novembre alle 18.30 contro il Cracy Reusia di Ragusa.

Scrivi