di Umberto Pioletti

CATANIA – Vince la Waterpolo Messina. Ma quanta fatica ha dovuto sostenere il team peloritano per piegare la resistenza dell’Orizzonte Catania. Alla piscina Cappuccini, il derby siciliano del campionato di serie A1 di pallanuoto femminile non ha tradito le attese della vigilia. Partita combattuta, sentita e dai toni agonistici elevati. La Waterpolo Messina l’ha spuntata con il risultato di 11-10 facendo valere la sua maggiore esperienza. Le giovani catanesi, guidate da coach Martina Miceli, non hanno comunque demeritato tenendo testa alle quotate avversarie. Le rossazzurre sono rimaste in gara fino alla fine ed hanno sfiorato la clamorosa rimonta. Miglior marcatrice dell’Orizzonte è stata capitan Tania Di Mario con tre gol, mentre Claudia Marletta e Roberta Grillo sono andate a segno due volte a testa. Una rete ciascuno anche per Valeria Palmieri ed Alessandra Battaglia. Nel Messina in luce Silvia Bosurgi, che da buon ex ha fatto di tutto per farsi rimpiangere: 4 reti e ottime giocate in acqua. In classifica messinesi a quota 9 punti, a 3 lunghezze dalle battistrada Imperia e Padova. Orizzonte ferma a 6. “Sono certamente soddisfatta della nostra prestazione – afferma Martina Miceli -, anche se magari abbiamo regalato qualche gol stupido di troppo in alcuni frangenti della partita, soprattutto nel primo tempo. Abbiamo dimostrato di crederci fino alla fine facendo anche cose carine in più fasi della gara e questo ci ha permesso di restare sempre in partita. Sicuramente Messina non si aspettava di trovare in noi una risposta del genere, ma in ogni caso è giusto sottolineare che non sono queste le partite nelle quali dobbiamo fare la differenza in questa stagione. Per noi le sfide più importanti sono quelle contro Roma e Firenze, nelle quali dobbiamo fare risultato, così come sarebbe importante far punti contro Prato e Rapallo”. Vincente, ma poco soddisfatto invece il trainer messinese Luca Tarquini: “Avevo chiesto alle ragazze di giocare con la massima concentrazione, ma così non è stato. Da un tempo all’altro subiamo una strana metamorfosi. Complimenti a Silvia Bosurgi per l’ottima prestazione. Le tre catanesi Garibotti, Radicchi e Aiello hanno un po’ sentito il peso di affrontare l’Orizzonte. Comunque ci prendiamo questi punti e pensiamo alla prossima sfida contro il Prato”.

IL TABELLINO DEL MATCH

Waterpolo Messina – Orizzonte Catania: 11-10

Parziali: 6-4; 2-1; 2-1; 1-4

Waterpolo Messina: Sparano, Apilongo 2, Gitto, Starace, Morvillo, Radicchi, Garibotti 2, Sevenich 1, Marchetti, Aiello R. 2, Avola, Bosurgi 4, Laganà. All. Tarquini.

Orizzonte Catania: Harache, Greenwood 1, Distefano, Buccheri, Di Mario 3 (1 rig.), Grillo 2, Palmieri V. 1, Marletta 2, Battaglia 1, Amedeo, Musumeci, Lombardo, Zuccarello. All. Miceli.

Arbitri: Castagnola e Petronilli.

 

Superiorità numeriche: Messina 3/7 e Catania 2/6 + 1 rigore.

Scrivi