di Umberto Pioletti

CATANIA – Seconda giornata d’andata nel massimo campionato nazionale di pallanuoto femminile. Sabato pomeriggio (ore 15) riflettori accesi sulle due squadre siciliane impegnate: Orizzonte Catania e Waterpolo Despar Messina. Le uniche due rappresentanti della Trinacria (la Blu Team Catania è retrocessa in A2 nella scorsa stagione) vanno in acqua con stati d’animo diametralmente opposti. Le rossazzurre catanesi sono gasate dall’esordio vittorioso sul Città di Cosenza e rendono visita al Plebiscito Padova. Le messinesi, invece, sono arrabbiate dopo il kappaò con la Rari Nantes Imperia e mirano a rifarsi, in casa, contro la Sis Roma.

Le etnee saranno opposte ad una squadra che evoca ricordi poco felici, ma che fornisce grandi stimoli a prescindere dal divario tra le due “rose”, come spiega il coach dell’Orizzonte Catania. “Siamo reduci dal successo importantissimo contro Cosenza, ma non è stata certamente una settimana facile – afferma Martina Miceli -, perché abbiamo avuto la possibilità di fare un solo allenamento con tutte le atlete. Non ci piangiamo addosso per questo, ma è un dato di fatto da non sottovalutare. Siamo sicuramente ancora in ritardo ed andiamo ad affrontare un avversario che è molto più avanti di noi”. L’Orizzonte se la giocherà a viso aperto. Intanto da lunedì riaprirà i battenti la piscina di Nesima (finora le catanesi hanno giocato nella piscina Francesco Scuderi di via Zurria). “Probabilmente cambieranno tante cose – aggiunge la Miceli – facendo così risaltare il nostro potenziale grazie alla possibilità di allenarsi meglio e tutte insieme. Affrontare Padova così è certamente strano, sia perché questa è sempre stata una sfida molto sentita sia per come è finita la semifinale dello scorso anno. Quella partita brucia ancora tanto ed ha sicuramente fatto da spartiacque nella storia dell’Orizzonte. Perdere con loro quel match ci ha certamente spinti a fare delle riflessioni, che poi hanno tracciato la strada al nostro progetto di rinnovamento”. Unica assente domani Ylenia Buccheri.

In programma anche le sfide: Cosenza-Prato, Bogliasco-Firenze e Rapallo-Mediterranea Imperia.

Scrivi