di Umberto Pioletti

La Despar Waterpolo Messina vince l’anticipo a Bogliasco per 9-4. Plebiscito Padova e Mediterranea Imperia rispondono, a 24 ore di distanza, battendo Sis Roma (13-5) e Prato Waterpolo (11-6). Il campionato di serie A/1 di pallanuoto femminile si fa sempre più avvincente. Dopo nove giornate Padova (24 punti), Messina (22) e Imperia (18) occupano le prime tre posizioni della classifica. Ma per completare i conti del girone di andata bisogna attendere i recuperi delle partite rinviate per maltempo. Messina intanto si gode il suo ottimo momento di forma e sogna in grande. Rosaria Aiello e compagne sono state ciniche e spietate nella piscina del Bogliasco sorprendendo la Rari Nantes di Mario Sinatra. Il “sette” peloritano tornerà in acqua sabato 20 dicembre. In casa, alla piscina Cappuccini, il Messina ospiterà la Mediterranea Imperia per il big match del primo turno del girone di ritorno. All’andata 10-2 per le liguri.

Niente da fare, invece, per l’Orizzonte Catania di coach Martina Miceli. Rossazzurre battute a Rapallo con il finale di 8-6. “Abbiamo giocato una bruttissima partita – dice Martina Miceli – , dimostrando di non essere ancora una squadra da trasferta. Avevamo cominciato bene la gara, poi quando ci siamo trovati davanti alla prima difficoltà siamo andati nel pallone. Abbiamo commesso troppe ingenuità singole, tutte davvero brutte, e quando c’era bisogno di giocare da squadra, con la massima tranquillità, abbiamo perso la testa e sono venuti fuori tutti i nostri difetti. È proprio in questi momenti che si vede quanto siamo ancora lontani dall’essere una squadra di categoria superiore. È facile giocare bene quando fila tutto liscio, ma quando le cose vanno male e si deve trovare il tiro per riaprire la partita o il passaggio decisivo quando la palla ‘pesa cinque chili’, se non si ha il giusto spirito emergono tutti i difetti e si chiude il cervello. Purtroppo sono cose che avevamo messo in preventivo all’inizio dell’anno, ma speravo di aver fatto dei passi in avanti e invece non è assolutamente così”.

Scrivi