Nel campionato di serie A2 maschile di pallanuoto riflettori accesi, quest’oggi, sul doppio derby Catania-Siracusa. Nella nona giornata, infatti, terranno banco le sfide Famila Muri Antichi Catania-Ortigia Siracusa (ore 15) e C. C. 7 Scogli Siracusa-Item Nuoto Catania (ore 15,30). Impegno difficile per la Muri Antichi del presidente Luigi Spinnicchia, che nella piscina “Francesco Scuderi” di via Zurria ospiterà l’Ortigia di Gino Leone. I siracusani sono terzi in classifica e lanciati verso i play-off. In casa Famila si scioglierà all’ultimo il dubbio sul portiere titolare a causa di un lieve infortunio subito da Carlo Graziano. Se non dovesse farcela al suo posto giocherà Lorenzo Cenci, alla prima convocazione stagionale e con un passato in serie A alle spalle con Brescia e Firenze. Unico assente certo è Samuele Scuderi out a causa di una lussazione ad un dito. “Siamo dispiaciuti della sconfitta subita la scorsa giornata contro l’Arechi – afferma il tecnico catanese Renato Caruso –. Adesso abbiamo il derby, quindi la voglia di fare bene è doppia. Conosciamo i loro punti forti, il contropiede è la loro arma migliore. Hanno tantissimi atleti di livello e molti ragazzi interessanti. Da parte nostra serve molta intelligenza, bisogna evitare le forzature. Faremo il massimo per conquistare la salvezza”.
Il tecnico aretuseo Gino Leone dovrà fare a meno di Andrea Tringali per i prossimi mesi, ma può sorridere per i recuperi di Martino Abela e Damian Danilovic, usciti doloranti dal derby di sabato scorso contro il C. C. 7 Scogli.
Alla piscina “Caldarella” di Siracusa, la Nuoto Catania mira al successo contro la matricola 7 Scogli. “La trasferta di Siracusa rappresenta una tappa fondamentale in una vasca che non sarà facile per nessuno – dice il tecnico etneo Peppe Dato –. Il 7 Scogli è una buona squadra con un organico non da neopromossa e con alcune individualità sopra la media per la categoria. Non esistono partite facili sulla carta e il passo falso è sempre dietro l’angolo. Il calendario propone tanti scontri diretti quindi abbiamo la possibilità di dare una svolta al nostro campionato”.
Infine trasferta campana per il Telimar Palermo, che va a caccia di riscatto a Salerno contro la Rari Nantes (ore 15). Palermitani quarti in classifica e reduci dalla pesante sconfitta casalinga contro la Roma Nuoto.

Scrivi