PALERMO- “Il governo sta lavorando perché il passante ferroviario venga ultimato. E’ in corso un’interlocuzione tra Rfi e azienda per evitare il blocco dell’opera. C’è una procedura in corso sollecitata dall’azienda, un accertamento tecnico preventivo (Atp) del Tribunale di Palermo, e se risulteranno dei sovraccosti saranno riconosciuti all’azienda. Ma nessuno, ha convenuto con noi il ministro Delrio, può intraprendere atti per bloccare un’opera che interessa migliaia di cittadini ed è strategica per la città. Abbiamo chiesto al ministro una precisa presa di posizione affinché tutto proceda senza nessun licenziamento. E il ministro ha sostenuto che tutto andrà avanti a bocce ferme, senza ulteriori licenziamenti”.

E’ in sintesi quanto il ministro Graziano Delrio ha detto ieri pomeriggio ai segretari di Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil Palermo, Ignazio Baudo, Antonino Cirivello e Francesco Piastra. L’incontro si è svolto in un a saletta riservata del Park Florio Hotel di Cinisi ed è durato venti minuti. Si è svolto a margine dell’iniziativa del premier Matteo Renzi con imprenditori e associazioni. Erano presenti anche le Rsu della Sis, Cosimo Riccobono della Fillea Cgil, Rosario Piazza della Filca Cisl e Fancesco Paolo Cianciabella di Feneal Uil.“Il ministro si è impegnato a riconvocare le parti, anche il sindacato, a Roma, assieme alla stazione appaltante – aggiungono i sindacati degli edili – Adesso restiamo in attesa di un riscontro positivo, di un’evoluzione della discussione tra Rfi e Sis e di un tavolo ufficiale tra i soggetti per sancire che l’opera vada avanti e si concluda”. In mattinata si è svolto un sit-in di due ore davanti all’ingresso del cantiere del passante ferroviario in viale Francia per chiedere l’attenzione delle istituzioni e garanzie per il proseguimento dell’opera, che rischia lo stop dopo l’annuncio del licenziamento di 250 operai e di un contenzioso tra Sis e stazione appaltante.  


-- SCARICA IL PDF DI: Passante ferroviario di Palermo, il ministro Delrio: "L'opera andrà avanti e non ci saranno licenziamenti" --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata