Anita Rapisarda

 

PATERNO’ – Il Consiglio Comunale di Paternò nel corso dell’ultima seduta  con voto unanime, ha detto sì al piano di lottizzazione, per la realizzazione di un ipermercato dell’ Lidl all’ingresso nord di Paternò che sorgerà, fra Via Vittorio Emanuele e Corso Italia. Alla fine, maggioranza ed opposizione hanno trovato un’intesa grazie ad un passaggio che si è rivelato al quanto decisivo: cioè quello della cessione gratuita al Comune dell’area che dà su via Vittorio Emanuele da parte della ditta Caponnetto, proprietaria del sito in questione. Sono stati gli stessi titolari del fondo a far pervenire in consiglio una lettera che è stata letta in aula nella quale veniva espressamente evidenziato il tutto. Il voto è arrivato dai 26 consiglieri presenti in aula consiliare sulla scorta di un emendamento (presentato dal consigliere Ciatto) che modifica la convenzione, e che dovrebbe prevedere l’allargamento proprio di via Vittorio Emanuele. L’intervento dei consiglieri Valore, Mannino, Rau, Faranda, Fallica, Messina, Furnari e Signorello:

“Pur avendo dimostrato coi fatti di essere a favore di qualsiasi progetto che possa veicolare ricchezza e sviluppo e posti di lavoro per la città, votando alla fine favorevolmente il piano di lottizzazione in oggetto, non prima di aver effettuato responsabilmente le opportune valutazioni che competono alla politica, cioè l’analisi dei vantaggi per la città e dei rischi per la viabilità, rimane l’amarezza di aver visto bocciati, nonostante il parere positivo degli uffici, dalla maggioranza e da alcuni consiglieri comunali che non riusciamo più a capire se stanno con la città o con l’Amministrazione, cioè Ciatto, Bottino, Buttò, Tripoli, Cirino e Rinina, i nostri emendamenti migliorativi, cioè proposte che avrebbero recato maggiori vantaggi alla collettività, cioè la realizzazione a spese della ditta del tratto di raddoppio di carreggiata di via Vittorio Emanuele, oltre alla cessione del terreno, lavori che adesso dovremo realizzare a spese dei cittadini, gravando ulteriormente sulle già precarie casse comunali, la realizzazione della rotatoria e la cura delle aiuole per dare maggiore decoro alla città. Una scelta, quella di votare contrari, che risulta ancora più incomprensibile e grave alla luce della disponibilità manifestata dalla ditta in sede di commissione di realizzare tali opere a proprie spese, e che noi volevamo inserire nella convenzione. Un’occasione persa per la città, per colpa di una parte politica che è sembrata più attenta a tutelare gli interessi privati che non quelli pubblici che gli competevano. Per questo riteniamo opportuno ricostruire alcuni passaggi salienti, nello specifico il 24 settembre la maggioranza con la complicità dei sopracitati consiglieri della pseudo opposizione, avrebbero votato il piano così come proposto, senza aver ottenuto nulla di più per la città. Abbiamo chiesto di differire la  seduta del consiglio al 30 settembre non per semplice ostruzionismo ma perché volevamo in modo forte e determinato la realizzazione dell’ampliamento di via Vittorio Emanuele e della rotonda di Corso Italia, utili per evitare la congestione del traffico urbano in una arteria che presenta molte criticità.
Questa è stata la battaglia che abbiamo condotto, in modo semplice e lineare, con la voglia di far crescere la nostra città senza comprometterne l’assetto urbano e la vivibilità.
Ci sia perdonato il nostro spirito battagliero, finalizzato ad ottenere la realizzazione dell’ampliamento di Via Vittorio Emanuele e della rotonda/ spartitraffico di corso Italia, che in aggiunta alle opere previste da standard urbanistico, quale il parcheggio e le aree a Verde avrebbero dato decoro e funzionalità a tutta l’area che essendo di fatto l’ingresso principale della nostra Città, ne costituisce biglietto di visita. Abbiamo lottato per raggiungere questi obiettivi che sono stati ottenuti parzialmente solo perché non condivisi dalla maggioranza del Consiglio Comunale, ma quel poco che è stato ottenuto di certo va ricondotto alla nostra azione e determinazione. Oggi senza questa azione non avremmo avuto la cessione gratuita da parte della ditta del tratto di via Vittorio Emanuele ed avremmo dovuto acquistare il terreno con ulteriore aggravio alle casse comunali. Di certo il risultato non ci entusiasma ma ci rende consapevoli che abbiamo perseguito la strada della determinazione Politica e dell’argomentazione costruttiva e propositiva per la Città. Il nostro voto favorevole all’insediamento commerciale è la conseguenza logica di un azione politica volta a dimostrare che non siamo mai stati contrari allo sviluppo di nuove attività ed al l’investimento di capitali nel nostro territorio, ma che nello stesso tempo bisogna effettuare le scelte politiche con cognizione di causa, senso di responsabilità ed anche grande capacità tecnica non basta il semplice buon senso e/o buonismo di alcuni consiglieri che poco (una semplice alzata di mano) o nulla hanno fatto per il raggiungimento del risultato”.

In merito al voto favorevole, il sindaco Mauro Mangano commenta: “Paternò è una città competitiva E’ chiaro che lo sviluppo di Paternò non può dipendere unicamente dalla creazione di nuove superfici commerciali, tuttavia il fatto che degli imprenditori vogliano investire sul nostro territorio rappresenta sicuramente un aspetto positivo e da salutare con favore.  Significa che Paternò è una città competitiva, che suscita l’interesse degli imprenditori e l’arrivo di un nuovo centro per la grande distribuzione potrebbe fare da apripista ad altre attività commerciali  e aziende che rinvigoriscano la nostra economia. Come Amministrazione abbiamo dato risposte certe e rapide agli investitori, facendo capire che nella nostra città esiste una burocrazia efficiente, che non fa fuggire gli operatori economici ma al contrario si mette a loro disposizione. D’altra parte, però, il piano di lottizzazione approvato ieri in Consiglio impegna formalmente il privato a realizzare delle opere che migliorino l’aspetto dell’area, che si trova proprio all’ingresso di Paternò, e che ne agevolino la viabilità, attraverso l’allargamento di Via Vittorio Emanuele e la creazione di un parcheggio che sia a disposizione di tutti i cittadini. Siamo infine soddisfatti che il sì unanime dell’Assise civica sia scaturito da un dibattito ampio e costruttivo, privo di pregiudizi e polemiche sterili”.

 

A proposito dell'autore

Insegnante di professione, giornalista per vocazione o viceversa. Ancora sto cercando di scoprirlo. Mi sono avvicinata al bellissimo mondo del giornalismo per caso…forse perché ho sempre avuto la passione di scrivere, vedere quel foglio bianco che inizia attraverso la scrittura a prendere colore, ad avere una forma ben definita mi trasmette emozioni infinite… Potrei provare a sintetizzare la mia personale descrizione con una due semplici parole: Curiosa e innovativa. L’essere curiosa è sinonimo di voler sempre scoprire cose nuove, e poter scrivere di eventi, manifestazioni e tutto quello che fa notizia soddisfa la mia infinita curiosità. Innovativa perché penso che il giornale on line è il futuro della nostra società, ed aver avuto la possibilità di collaborare per questo giornale per me è una grande opportunità ma soprattutto un immenso piacere.

Post correlati

Scrivi