PATERNÒ – Immenso dolore, incredulità e shock. E questa deve essere solo una piccola parte dei sentimenti che intere famiglie e la comunità tutta sentono dal profondo delle viscere per via del drammatico incidente (tra uno scooter ed una moto avvenuto ieri sera lungo un tratto di strada in rettilineo e poco illuminato di via Unità d’Italia) che ha causato la morte di 4 giovani, tutti paternesi. Un bilancio orribile per una serata che in città è stata da bollino nero e senza nessun precedente. A perdere la vita: Antonio Faranda di 23 anni, Giuseppe Russo di 17 anni, Gianluca Parisi di 23 anni e Valentina Aureliano di 22 anni.
“La città intera è sconvolta per la drammatica scomparsa dei nostri giovani concittadini – si legge oggi in un comunicato stampa a firma del primo cittadino, Mauro Mangano, e del presidente del Consiglio Laura Bottino -. Sgomenti ed ammutoliti, di fronte all’immane tragedia, il Sindaco, l’Amministrazione, la Presidenza del Consiglio e tutto il Consiglio Comunale, esprimono il sentimento unanime di vicinanza al dolore delle famiglie, colpite da un lutto di certo incomprensibile e inaccettabile”. Nella nota il Comune di Paternò annuncia di voler proclamare il lutto cittadino in memoria dei giovani, nel giorno in cui verranno celebrati i funerali, perché la comunità intera si stringa insieme, simbolicamente e materialmente, nel dolore.
Nessuna autopsia è stata disposta sulle salme che ieri sono state poste sotto sequestro e trasportate negli ospedali catanesi “Garibaldi” e “Vittorio Emanuele”. Troppo evidenti infatti sarebbero le cause della morte.
La dinamica dell’impatto fatale è ancora tutta in via di accertamento da parte dei Carabinieri della Compagnia di Paternò (giunti sul posto per i rilievi), ma sembrerebbe che i mezzi a due ruote sui quali viaggiavano i centauri (uno scooter Honda Sh ed una moto Ktm) si siano avvicinati troppo sino a collidere violentemente ed i loro corpi inevitabilmente balzati sull’asfalto. A nulla è valso l’arrivo sul posto dei diverse ambulanze del 118, medici e paramedici nulla hanno potuto fare: i 4 giovani sono infatti morti sul colpo, in corpo di uno dei quattro è rimasto parzialmente ustionato, mentre la ragazza aveva ancora in casco allacciato. Scene da Brivido. In via Unità d’Italia sono accorsi anche i vigili del fuoco per spegnere le fiamme che hanno avvolto i mezzi dopo l’impatto.

Scrivi