Ucciso per un regolamento di conti in amore. Finalmente è stata fatta piena luce sull’omicidio del 32enne di Valverde Massimo Pappalardo, ritrovato carbonizzato all’interno della propria Toyota Aygo in Contrada Poggio Monaco a Paternò lo scorso 8 marzo.

I Carabinieri del Comando Provinciale di Catania hanno fermato il 42enne Massimo Di Stefano e il 54enne Giuseppe Sciurello.
Pappalardo, dopo una serata trascorsa con la compagna, l’aveva riportata a casa. Alle 2:30 circa la donna ha ricevuto una telefonata anomala dallo stesso il quale, senza alcuna spiegazione, le diceva che dovevano lasciarsi in quanto voleva ritornare con la sua ex fidanzata. Lei capiva immediatamente che era stato costretto a fare quella telefonata sotto la minaccia di Ignazio Sciurello, suo precedente amante, che non aveva mai accettato la fine della storia e che la perseguitava quotidianamente tanto da costringerla a sporgere delle denunce per stalking.

I tabulati telefonici, i dati del sistema satellitare dell’auto e le immagini di videosorveglianza hanno consentito alle Forze dell’ordine di ricostruire tutta la dinamica dei fatti.

Massimo Pappalardo quella notte è stato seguito e agganciato da una Punto bianca, identica all’auto di Massimo Di Stefano, che lo ha accompagnato a casa di Ignazio Sciurello, dove hanno avuto una discussione. I tre soggetti sono usciti dall’abitazione e con la Toyota Aygo si sono diretti nelle campagne paternesi. Giunti in una piazzola di sosta hanno proseguito il diverbio ma poi Ignazio Sciurello ha sparato quattro colpi di pistola a Pappalardo. I due killer, dopo aver caricato il cadavere in macchina sono andati in Contrada Poggio Monaco dove l’hanno spinta in un dirupo. Passati alcuni minuti sul posto è arrivato Giuseppe Sciurello per recuperare la coppia omicida. Tornati sul luogo con una tanica di benzina hanno bruciato l’autovettura con il cadavere all’interno. Ignazio Sciurello, agli arresti domiciliari per un altro reato e resosi irreperibile durante le indagini, è tutt’ora ricercato.

Alessandro Famà

Scrivi