Chi ha qualche anno in più si ricorderà del meraviglioso Carnevale di Paternò conosciuto ovunque per l’allegria e lo spettacolo che faceva invidia a tutta la Sicilia, infatti iniziava dopo l’Epifania e durava fino alle Ceneri. Il Comune metteva a disposizione dei cittadini le due bande municipali e si ballava fino a tarda notte alla luce dei lampioni, nelle piazze Indipendenza, Quattro Canti e S. Giovanni. Tutti dovevano essere rigorosamente mascherati, e la maschera tradizionale del popolo paternese era “il fantasma”, che cammina avvolto in un lenzuolo con una terrificante maschera sul viso, e  capitava che le donne invitassero a ballare gli uomini che si arrovellavano per scoprire l’identità della dama. Alla mezzanotte che precedeva le Ceneri il carro allegorico, che simboleggiava il Re Burlone, veniva letteralmente “bruciato” in piazza.

Molti anni dopo purtroppo quel famoso Carnevale sarà solo un ricordo per i più vecchietti, e per i giovani quasi una leggenda. Quest’anno dopo cinque anni di assenza finalmente si torna a festeggiare il carnevale, infatti a Palazzo Alessi, l’Amministrazione comunale di Paternò ha illustrato il programma degli eventi in occasione del Carnevale 2015. Gli appuntamenti si concentreranno dal 12 al 17 in piazza Umberto dove sarà allestito un mercatino dell’artigianato dalle 9 alle 23. Il 12 febbraio festa dei bambini in maschera, sagra delle chiacchere, spettacoli ed esibizioni. Il 15 e il 17 dalla villa comunale inizierà la sfilata dei gruppi in maschera e carri allegorici, mentre in Piazza indipendenza sagre delle chiacchere, maccheronate e salsiccia, spettacoli musicali e balli in piazza. Il 17 febbraio ultimo giorno di carnevale cabaret con Davide Simone Vinci.

Abbiano chiesto a due consiglieri di maggioranza e opposizione il proprio punto di vista riguardo il Carnevale. Ci sottolinea il consigliere Alfredo Sciacca capo gruppo di Percorso popolare “quest’anno l’Amministrazione insieme alla commissione sport spettacolo e turismo ha puntato i riflettori su una manifestazione che è assente da un po’ di tempo, con tanto sacrificio e passione, senza guardare i colori politici, all’unanimità abbiamo sposato questo progetto, infatti siamo riusciti a trovare i fondi, appena ventimila euro, la stessa cifra che fino a qualche anno fa serviva solo per l’illuminazione pubblica, ma con la buona volontà e gli aiuti da parte di attività commerciali, operatori e associazioni che collaborano con il Comune siamo riusciti a stilare un programma dignitoso con dodici gruppi in maschera e tre gruppi allegorici, sagre e artisti paternesi. Ci sono i presupposti per essere un Carnevale dignitoso non come nel passato ma sono sicuro e fiducioso che faremo divertire i paternesi”.

Il consigliere Alfio Virgolini, eletto nella lista Movimento Cristiano Democratico, ha affermato: “Il mio personale commento non può che essere positivo sotto ogni punto di vista perché Paternò ha bisogno di attività culturali e quando parliamo del carnevale tocchiamo un tasto molto dolente perché da diverso tempo non abbiamo più visto un carnevale che illo tempore era la manifestazione migliore che Paternò potesse organizzare. In questa manifestazione non c’è da vedere né maggioranza né opposizione né colore, ma bisogna vedere quello che ama la città, quello che oggi un’amministrazione può fare con tutti gli sforzi possibili. Speriamo che non si perda questa bellissima tradizione per i paternesi”.

Anita Rapisarda

Scrivi