di Anita Rapisarda

PATERNÒ – Grande successo oggi a Paternò per la 2° edizione di Agri School Expo la manifestazione dedicata agli istituti tecnici e professionali per l’agricoltura, organizzata dalla Rete Fattorie Sociali Sicilia e dall’I.P.A.A. “Santo Asero” di Paternò, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale, Assessorato alla Cultura, dell’ASP di Catania e la collaborazione della Rete delle Scuole cittadine.

Gli studenti degli istituti professionali e tecnici per l’agricoltura – provenienti da Adrano (I.I.S.S. B. Radice), Caltanissetta (I.I.S. Di Rocco), Catania (I.I.S.S. Redi), Pachino (Ist. Calleri) e naturalmente dal Santo Asero di Paternò hanno lasciato per un giorno i banchi di scuola per mostrare all’esterno il frutto di quanto appreso e partecipare a laboratori e seminari con testimonianze ed interventi di aziende agricole, esperti del settore ed educatori. Con loro, fra gli altri, anche gli studenti dell’Istituto Comprensivo “G. Marconi”, che si sono occupati del servizio hostess.

Due gli spazi dedicati ai ragazzi: l’Ex Macello di via Fonte Maimonide, dove le scuole hanno avuto la possibilità di allestire un vero e proprio mini expo per far degustare i prodotti delle proprie aziende agricole, e il Palazzo delle Arti, sulla collina storica, dove si sono tenuti i laboratori didattici e i dibattiti, su varie tematiche, dalla dieta mediterranea alla biocosmesi, dall’esperienza degli orti urbani all’apicoltura. Molte le iniziative previste nel corso della giornata, fra le quali le visite guidate al Ponte Barca e al Simeto (a cura dell’Associazione Vivisimeto) e alle Salinelle (a Cura del Comune di Paternò), nonché la visita didattica presso alcune fattorie sociali e aziende agricole del territorio.

Nel corso dell’iniziativa, anche la premiazione dei vincitori del Concorso sulla promozione della salute, a cui hanno partecipato gli studenti della Rete delle scuole Cittadine. Abbastanza soddisfatti i promotori dell’iniziativa, come il dirigente scolastico del “Santo Asero” di Paternò, Silvio Galeano, che sottolinea come “l’Agri School Expo è una festa degli istituti tecnici e professionali per l’Agricoltura, che quest’anno, invogliati dalle scuole partner dell’iniziativa, abbiamo deciso di riproporre, ottenendo con grande orgoglio l’alto patrocinio dell’Expo Milano 2015, che inizierà fra pochi giorni. Per i ragazzi rappresenta un’occasione importante per approfondire le conoscenze acquisite in classe”.

Salvatore Cacciola, presidente della Rete Fattorie Sociali Sicilia, afferma che  “con questa iniziativa vogliamo creare un network che leghi la scuola, l’università e le aziende, con l’obiettivo di favorire l’inclusione dei ragazzi e la nascita di nuove opportunità di lavoro, guardando all’aspetto della multifunzionalità e allo sviluppo dell’agricoltura biologica e sociale”.

L’assessore alla Cultura e alla Pubblica istruzione di Paternò, Valentina Campisano evidenzia come “Siamo molto orgogliosi del fatto che la nostra città abbia ospitato, per la seconda volta, questa importante iniziativa, che abbiamo voluto inserire nell’ambito del progetto “Paternò Citta Educativa”. Riteniamo che esperienze come queste vadano assolutamente favorite, perché permettono agli studenti di uscire dai confini scolastici e toccare con mano la realtà del mondo del lavoro e dell’imprenditoria”.

Non si tratta di presentare astrattamente delle tematiche ma di fare conoscere le storie e i prodotti dell’impresa agricola innovativa. Gli studenti non ascoltano discorsi astratti sull’agricoltura sociale e sull’agricoltura biologica ma si confronteranno con le difficoltà ed i successi degli imprenditori.

Stare fianco a fianco con le aziende si è rivelata una strategia efficace per conoscere e approfondire. Il coinvolgimento delle fattorie sociali e biologiche è stato motivato dalla considerazione che il futuro delle giovani generazioni in agricoltura si combina con lo sviluppo della multifunzionalità dell’azienda e con la capacità della stessa di innovare e di rispondere ai nuovi bisogni dei cittadini consumatori.

 

Scrivi