PATERNO’ – Ha salvato la poltrona di sindaco di Paternò per un voto: la mozione di sfiducia non è passata per 15 voti a 14, ma la sfiducia politica c’è, comunque, tutta.

10987720_10200473692680274_5723896903458343133_n

Il coordinatore regionale del movimento politico “Il Megafono” Pippo Caudo, il cui leader è il governatore siciliano Rosario Crocetta, ha dichiarato che il risultato della votazione in assise a Paternò rappresenta “Un dato politico forte”. Poi si rivolge direttamente al primo cittadino: “Mangano ne prenda atto, azzeri la giunta, ritiri le deleghe, apra la crisi e discuta con tutta la città e tutte le forze politiche di Paternò, per dare vita ad una amministrazione di salute pubblica. Diversamente, consideriamo un errore andare avanti così e valuteremo insieme agli amici di Paternò, con i quali giovedì prossimo costituiremo il circolo del Megafono, la posizione da assumere”. Poi la sferzata: “Il sindaco non può fare finta di nulla. Questo voto evidenzia le debolezze di Mangano e dare una svolta politica netta rappresenta la priorità”.

 

Scrivi