20160407_231903

di Anna Agata Mazzeo

Paternò – si è svolto l’incontro tra i rappresentanti del Call center Qè srl e le Rappresentanze Sindacali Unitarie, FISTEL CISL e SLC CGIL, in merito all’avvio della procedura di licenziamento collettivo dichiarata il 31 marzo scorso.

Nella sede di Contrada di Tre Fontane, Laura Prezzavento, assistita dall’Avv. S. Agnello, ha incontrato per conto dell’azienda le organizzazioni sindacali, in una riunione informativa.

Le OO. SS. hanno chiesto il passaggio istituzionale, obbligatorio, al fine di poter ottenere le condizioni per attivare tutti gli ammortizzatori sociali.

L’esubero di personale e l’avvio della procedura di licenziamento collettivo hanno portato i rappresentanti a chiedere inoltre, all’azienda Qè, tutta la documentazione necessaria per valutare lo stato di solidità della stessa, in modo tale da poter stilare, nei prossimi incontri, un piano di sviluppo e rilancio e laddove sussistano le condizioni, reintegrare tutti i lavoratori, senza distinzione di forme contrattuali.

Una nuova riunione è stata fissata per giorno 11 aprile alle 12.30, ricordiamo che, poco prima i rappresentati sindacali avranno udienza col sindaco di Paternò Mauro Mangano per illustrare le problematiche dell’azienda, ma soprattutto valutare le possibili soluzioni da attuare per salvare i lavoratori.

All’incontro erano presenti per le RSU: Valentina Borzì, Giovanni Arcidiacono, Anna Orifici, per FISTEL CISL il Segretario generale provinciale Antonio D’Amico e il segretario aggiunto Mario Nicosia, e per SLC CGIL era presente il Segretario generale provinciale Davide Foti e il segretario aggiunto Gianluca Patanè.

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi