Anita Rapisarda

PATERNO’ – Grande attesa per la seconda edizione della Festa Medievale, che si terrà nella collina storica, con il suo  imponente Castello Normanno e il suggestivo complesso monumentale di San Francesco alla Collina, nei giorni di sabato 20 e domenica 21 giugno. La manifestazione è stata presentata ieri nel corso di una conferenza stampa, alla presenza del direttore artistico, Salvatore Coniglio e dell’assessore alla Cultura del Comune di Paternò, Valentina Campisano. La Festa Medievale, organizzata dall’associazione Coro Polifonico Sturm und Drang e dall’Orchestra da camera Estro Armonico, in collaborazione con il Comune di Paternò, Assessorato alla Cultura e il gruppo di sbandieratori Antica Ibla Major, sarà anche quest’anno ricca di eventi e sorprese, con un programma folto di iniziative di vario genere, che spazieranno dalla musica all’arte, dalla danza agli spettacoli d’equitazione, passando per l’esibizione di tiro con l’arco. Il tutto con l’obiettivo di riportare in vita i fasti della corte medievale di Bianca di Navarra, personaggio sospeso fra la storia e la leggenda, che ha lasciato una traccia indelebile negli annali della città. Come sottolinea il maestro Salvatore Coniglio “Quest’anno abbiamo voluto estendere la manifestazione a tutto il centro storico, anziché limitarla alla sola acropoli, il corteo storico che apre la manifestazione partirà infatti da Piazza Regina Margherita e percorrerà la via principale, con l’obiettivo di coinvolgere quanti più cittadini possibile, invitandoli ad assistere agli spettacoli sulla collina. L’evento toccherà poi tutti i luoghi più suggestivi dell’acropoli paternese, come la Scalinata settecentesca, il Castello Normanno e il complesso monumentale di San Francesco alla Collina”. L’assessore alla Cultura, Valentina Campisano “La Festa Medievale ci permette non solo di riscoprire la storia millenaria della nostra città, ma anche di valorizzare il centro e in particolare i monumenti che popolano la sua collina storica. E’ doveroso ringraziare il maestro Coniglio e tutte le persone che con lui collaborano, senza le quali, forse, non saremmo riusciti a rinnovare per il secondo anno consecutivo questo appuntamento. Duole infatti constatare che in tempi di magra le prime spese che vengono considerate come sprechi sono proprio quelle destinate alla cultura e in considerazione delle scelte politiche prese da alcuni Consiglieri Comunali, sarà sempre più difficile assicurare una programmazione culturale degna di una città come Paternò. Tuttavia con fiducia continueremo a collaborare con quanti sono ancora convinti che la cultura non sia uno dispendio inutile, ma una risorsa per questa comunità”.

 

A proposito dell'autore

Insegnante di professione, giornalista per vocazione o viceversa. Ancora sto cercando di scoprirlo. Mi sono avvicinata al bellissimo mondo del giornalismo per caso…forse perché ho sempre avuto la passione di scrivere, vedere quel foglio bianco che inizia attraverso la scrittura a prendere colore, ad avere una forma ben definita mi trasmette emozioni infinite… Potrei provare a sintetizzare la mia personale descrizione con una due semplici parole: Curiosa e innovativa. L’essere curiosa è sinonimo di voler sempre scoprire cose nuove, e poter scrivere di eventi, manifestazioni e tutto quello che fa notizia soddisfa la mia infinita curiosità. Innovativa perché penso che il giornale on line è il futuro della nostra società, ed aver avuto la possibilità di collaborare per questo giornale per me è una grande opportunità ma soprattutto un immenso piacere.

Post correlati

Scrivi