CATANIA – “Per il periodo 2007-2014, la Sicilia ha dovuto restituire all’Unione Europea oltre 90 milioni di euro sui 151 che le erano stati assegnati per il settore Pesca. Dobbiamo fare meglio in futuro, utilizzando interamente i circa 120 milioni che il nuovo fondo europeo destina alla difesa e allo sviluppo di quella Economia Bluche dovrebbe rappresentare il core-business dell’Isola”. Così Enrica Mammucari, segretaria generale della Uila Pesca, ha chiuso a Catania oggi – martedì 20 – il convegno regionale Uila sulle “Opportunità di rilancio e sviluppodella pesca in Sicilia”. Al tavolo di presidenza dell’evento, insieme con il segretario generale della Uila Sicilia Nino Marino, anche il sottosegretario di Stato Giuseppe Castiglione, il direttore del Ministero dell’Agricoltura e delle Politiche alimentari Riccardo Riggillo, il segretario generale della Uil di Catania, Fortunato Parisi, e Tommaso Macaddino, eletto nuovo segretario regionale Uila Pesca. La nuova Segreteria dell’organizzazione di categoria è composta pure da Nino Marino e Antonino Pensabene.

Più volte richiamata da Enrica Mammucari la proficua collaborazione con il Ministero per l’Agricoltura e le Politiche Alimentari, il sottosegretario Castiglione ha sottolineato “la necessità di programmazione strategica per un settore che deve innovarsi”. Il rappresentante di Governo ha ribadito i “capisaldi delle politiche europee per la Pesca: non solo sostenibilità ambientale, ma anche economica e sociale”. Proprio nel corso del convegno Uila Sicilia, Giuseppe Castiglione ha annunciato “che nei prossimi giorni sarà varato un decreto rivoluzionario per il settore, mirando a promuovere la costituzione di consorzi tra piccoli operatori con l’obiettivo di tutelare la risorsa ittica e migliorare la commercializzazione del pescato locale”. Enrica Mammucari, peraltro, ha ricordato “la scarsa capacità di valorizzazione della pesca italiana sui mercati che ci costringe a importare il 70 per cento del prodotto consumato”.

Sui problemi del comparto si è lungamente soffermato Tommaso Macaddino. Quarantasette anni di età, il nuovo segretario della Uila Pesca Sicilia ha affermato che “dal Fondo europeoFeamp ci aspettiamo di trarre nei prossimi 4 anni una serie di occasioni di crescita, perché il comparto emerga dalle secche nelle quali si trova ormai da troppo tempo”. Macaddino ha concluso: “Innovazione, sicurezza, lavoro di qualità e politiche di filiera sono elementi strategici per il futuro della pesca siciliana, avendo cura di tutelare tutte le 31 marinerie dislocate nei nostri1500 chilometri di costa”. Nino Marino, infine, ha rimarcato “il ruolo sempre più centrale della pesca, accanto a settore forestale e agroalimentare, nell’impegno della Uila e della Uila Sicilia a servizio dei lavoratori, dei consumatori, dei cittadini”.

 

.


-- SCARICA IL PDF DI: Pesca, è in rosso il bilancio dell' "Economia Blu" --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata