CATANIA – Effettuato nei giorni scorsi, dal personale del commissariato Borgo Ognina, col contributo del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale, un imponente servizio di controllo del territorio. Sono stati realizzati accertamenti sulla regolarità di diversi esercizi pubblici di particolare interesse sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica.
I poliziotti hanno vagliato la posizione di bar, chioschi, sale gioco e internet point, scoprendo una sala giochi abusiva nel quartiere Picanello. Controlli estesi anche agli esercizi pubblici del quartiere Barriera – Canalicchio dove, in particolare, è stato eseguito un provvedimento di sospensione dell’attività, a firma del Questore di Catania dott. Marcello Cardona, nei confronti del titolare di un noto chiosco sito in piazza Vicerè, la cui specifica frequentazione da parte di pericolosi pregiudicati ha comportato l’applicazione dell’art. 100 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza: si tratta di una norma che prevede, nei casi in cui un pubblico esercizio diventi luogo di ritrovo abituale di soggetti pericolosi o di pregiudicati, la sospensione dell’attività che, in questo caso, si protrarrà per 15 giorni.
Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio, gli agenti del Commissariato Borgo Ognina hanno avanzato ben 13 proposte di applicazione del citato art. 100 e 9 di queste sono state già eseguite.
Il bilancio finale dell’operazione ha visto comminate sanzioni pecuniarie amministrative per un ammontare di oltre 30mila euro e, al vaglio dei poliziotti, rimangono numerose posizioni di esercizi pubblici irregolari per i quali è in corso l’istruttoria per l’emissione di provvedimenti sanzionatori.

Scrivi