CATANIA – “Un altro intervento per ridare dignità al litorale della Playa per recuperare nella legalità l’apertura al mare della Città da troppo tempo impedita da edifici in cemento”. Così il sindaco Enzo Bianco ha commentato soddisfatto l’inizio dei lavori di abbattimento dei manufatti in muratura ancora esistenti nel lido Università.
L’iniziativa, avviata dal Demanio marittimo di Catania con la partecipazione del Comune, rientra nel più ampio progetto di decementificazione e riqualificazione della Playa.
“Dopo gli interventi dello scorso anno sempre alla Playa e nella zona A dell’Oasi del Simeto – ha continuato l’Assessore Di Salvo, che su input del sindaco Bianco in mattinata si è recato nella struttura per verificare personalmente il lavoro delle ruspe- avviamo un’altra importante fase di demolizione di una struttura di cemento di 200 metri cubi, a pochi metri dalla battigia. C’è la volontà del Comune e dell’assessorato regionale al Territorio e Ambiente, che ha competenza sul demanio marittimo, di affrontare, con i titolari delle strutture balneari, il piano di utilizzo degli spazi demaniali prospicienti il mare al fine di riorganizzare e valorizzare la Playa, ma anche il litorale roccioso della scogliera, per renderla finalmente un polmone di sviluppo economico e turistico eco compatibile e godibile l’intero anno”.
I lavori realizzati a spese dell’Università di Catania che è titolare della concessione demaniale, si concluderanno entro la settimana e lo smaltimento degli inerti avverrà nella massima sicurezza in una discarica autorizzata della zona industriale.
L’assessore di Salvo ha anche reso noto di avere contattato la Polizia di Stato, titolare di un’altra concessione demaniale marittima attigua a quella del Lido Università, ricevendo rassicurazioni che a breve sarà disponibile il finanziamento necessario per un’altra importante demolizione e che analoga azione verrà sviluppata con le altre forze di polizia e della difesa, per arrivare in tempi brevi allo smantellamento totale degli altri manufatti realizzati nei decenni passati fuori dalle norme di legge.
“La prossima settimana inoltre – ha concluso Di Salvo – relazionerò al sindaco e alla giunta sul Piano di Utilizzo del demanio Marittimo (PDUM), per definire interventi di riqualificazione e rigenerazione del litorale della Playa e della Scogliera che rimettano il mare al centro dello sviluppo di Catania”.

Scrivi