CATANIA – Un’importante acquisizione per la Sanità siciliana che ha il valore e la dignità dell’eccellenza: l’istituzione di un Centro di Studi Clinici di Fase I presso il Policlinico Universitario di Catania. Nel 2015, infatti, l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) aveva stabilito che i Centri che intendono svolgere questo tipo di studi in Italia devono rispondere ad alcuni requisiti minimi. Sotto l’impulso del suo Direttore generale, il dott. Paolo Cantaro, e del prof. Filippo Drago dirigente del Programma infradipartimentale di Farmacologia Clinica e Farmacoviglanza, il Policlinico universitario di Catania ha realizzato il “Clinical Trial Unit” (CTU) in tempi rapidissimi e chiesto l’accreditamento all’AIFA per gli Studi Clinici di Fase I.

Lo sforzo è stato coronato da successo e il CTU del Policlinico etneo è stato la prima struttura di questo genere ad accreditarsi in tutta l’Italia meridionale per Studi cinici di Fase I su volontari sani e su pazienti.

Martedì 8 novembre, nell’Aula Magna della Torre Biologica “Ferdinando Latteri” (via Santa Sofia 97) dell’Università di Catania verrà ufficialmente inaugurato il nuovo Clinical Trial Unit dell’Azienda ospedaliero-universitaria “Policlinico – Vittorio Emanuele” di Catania.

I lavori saranno aperti dal rettore dell’Università di Catania Giacomo Pignataro, dal direttore generale dell’Azienda “Policlinico-Vittorio Emanuele” Paolo Cantaro, dal presidente della Facoltà di Medicina Francesco Basile e dal moderatore, il prof. Filippo Drago, direttore del dipartimento Biometec e dirigente del Programma infradipartimentale di Farmacologia clinica e Farmacovigilanza.

Seguiranno gli interventi di Angela Del Vecchio (dirigente dell’Ufficio sperimentazioni cliniche dell’Aifa), e dei membri della Commissione per l’ammissibilità dei farmaci alla Fase I dell’Istituto Superiore di Sanità Annarita Meneguz e Renato Bernardini (Università di Catania). L’attività e il funzionamento del nuovo centro del Policlinico sarà infine illustrato dal responsabile medico della struttura, Pasquale Fatuzzo. Successivamente interverranno, inoltre, Francesco Cardì, responsabile sperimentazione clinica del Ctu, Catneo Piazza, responsabile laboratorio del Conzorio Unifarm, Héctor Soto Parra, direttore di Oncologia Medica dell’azienda Policlinico.

Il Centro di Fase I è costituito da un team di esperti in varie specialità mediche che rappresentano le aree terapeutiche di maggiore espansione per lo sviluppo dei farmaci. Esso inoltre dispone di tutti i requisiti strutturali richiesti dalla determina: otto posti letto di un reparto dedicato provvisti di dispositivi di monitoraggio, un archivio a norma di legge, frigoriferi e congelatori per la conservazione di farmaci sperimentali e campioni biologici, etc.

Il personale specializzato come il Quality Assurance, l’Auditor, il Monitor e la figura di raccordo sono fornite dal Consorzio Universitario Unifarm, in convenzione con il Policlinico.

Il Centro di Fase I è inoltre fornito, come richiesto dalla Determina AIFA, da coordinatori di ricerca clinica (in particolare quella in oncologia), farmacisti, farmacologi, infermieri e tecnici di laboratorio per garantire l’aderenza delle procedure alle norme di Buona Pratica Clinica (Good Clinical Practice).


-- SCARICA IL PDF DI: Policlinico di Catania, si inaugura il Clinical Trial Unit, unità specializzata nella sperimentazione di nuovi farmaci --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata