Imminente il rimpasto di giunta a Biancavilla. Tre i componenti del Governo cittadino destinati a lasciare la propria carica, ma l’assessore Giuseppe Furnari non ci sta: “In atto un vero e proprio cambio di maggioranza. Il Pd finirà per essere penalizzato”.

di Alice Vaccaro

BIANCAVILLA – Novità all’orizzonte sul fronte politico biancavillese, dove a breve si assisterà ad un turn over all’interno della giunta comunale. Manca davvero poco, giorni o addirittura ore.
A dover lasciare l’incarico sarebbero:  il vice sindaco Luigi D’Asero (che al momento detiene le deleghe ai Servizi sociali, Igiene e sanità, nonchè  Rapporti con il parco dell’Etna), l’assessore Rosanna Bonanno, in quota al Pd (con deleghe alla Pubblica istruzione, Cultura, Politiche giovanili, Pari opportunità ed Associazionismo), nonché l’assessore (ai Lavori pubblici, Urbanistica, Attività produttive, Contenzioso, Protezione civile e Politiche del lavoro) Giuseppe Furnari (Pd).
Dei tre uscenti a poter continuare a svolgere il proprio mandato all’interno del Consiglio comunale biancavillese sarà solo l’attuale vice sindaco Luigi D’asero (eletto consigliere, poco più di un anno fa, con la lista “Volare Biancavilla”).
A rimanere al proprio posto sarà invece l’assessore allo Sport: Giuseppe Salvà (eletto con la lista civica “Biancavilla che lavora”, che è tra l’altro l’ultimo ad essere entrato a far parte della giunta capitanata dal sindaco del Pd, Giuseppe Glorioso).
Tra i nomi che, secondo indiscrezioni, sarebbero in pole position per entrare in giunta vi sarebbe quello di Grazia Ventura (eletta nella lista “Biancavilla nel cuore”, che è, e resterebbe quindi, consigliere comunale). A subentrare potrebbe essere poi Nicola Tomasello (nome già noto alla politica locale in quanto ex presidente dell’assise);  infine, in quota autonomisti, potrebbe esservi un altro ritorno, quello di Francesco Privitera (già assessore durante la passata legislatura) .
L’avvicendamento (che non si esclude possa avvenire domani: Venerdì 12 Dicembre) sarebbe la conferma di un accordo pre-elettorale delle amministrative del Giugno 2013, quando venne riconfermato primo cittadino Giuseppe Glorioso.
Biancavilla pronta al rimpasto, quindi, così come alle polemiche (ma si potrebbe addirittura andare oltre le critiche). Aspro l’intervento sulla questione dell’assessore Giuseppe Furnari: “so di riunioni alle quali non sono stato invitato e nelle quali si è discusso di questo rimpasto. Io sono d’accordo con il tourn over, ma è chiaro che deve essere all’interno della stessa maggioranza. Questo è invece un vero e proprio cambio di maggioranza con il Pd che finirà per essere penalizzato. Non c’è stato nessun indirizzo politico e nessuno, tengo a precisare,  mi ha mai chiesto le dimissioni. Io non sono legato alle poltrone ma questo percorso non mi piace affatto”.

Scrivi