CATANIA – “Il ministro dell’Interno Alfano e il sottosegretario Bocci hanno mantenuto fede all’impegno preso qualche giorno fa a Roma per salvare i precari dei Comuni in dissesto o con il Piano di rientro. Sono così salvi i 185 precari di Catania ma anche tanti altri”.

Lo ha detto il sindaco di Catania Enzo Bianco commentando la notizia che la Camera votando la Legge di stabilità, ha approvato l’emendamento presentato dal Pd che consente la proroga dei contratti dei lavoratori precari nei comuni dissestati o in pre-dissesto.
“Avevo chiesto – ha detto Bianco –  anche come presidente del Consiglio nazionale dell’Anci, una norma che consentisse di salvare i precari dei Comuni in dissesto o con Piano di rientro lasciati fuori dall’emendamento approvato dalla Commissione Bilancio della Camera e che prevedeva il rinnovo per un anno dei contratti di questi lavoratori. Senza un apposito provvedimento sarebbero rimaste senza lavoro migliaia di persone “.

Le risultanze dell’incontro di Roma erano state comunicate dal vicesindaco Marco Consoli ai segretari provinciali della Funzione Pubblica sia dei sindacati confederali sia delle sigle autonome durante la riunione svoltasi due giorni fa nella sede dell’Assessorato. Nel corso della riunione era stato ribadito come l’Amministrazione Bianco fosse al fianco dei precari e che Catania avesse avuto approvato dalla Cosfel, una commissione ministeriale, il piano delle stabilizzazioni dei precari, che sono 185 su 2900 dipendenti e lavorano nel nostro Comune da 26 anni.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi