CATANIA – “Il mio obiettivo, come insegnante e come donna, è aiutare i miei studenti introducendoli, sin da subito nel mondo, del lavoro”. Con queste parole Liliana Nigro, docente dell’Accademia di Belle Arti, spiega ai numerosi presenti quali siano le motivazioni da cui è nato il gemellaggio artistico tra la cattedra di Storia del Costume, diretta dalla stessa Nigro, e l’Associazione Incanto Mediterraneo.10384358_10203533347322366_1391157845975855322_n

L’Accademia e la Compagnia Teatrale hanno progettato, secondo le proprie competenze, la realizzazione delle scenografie e dei costumi della seconda stagione di spettacoli musicali ed operette 2014/2015 al Teatro ABC.

Un unione pensata per sostenere lo sviluppo e la diffusione culturale delle nostre eccellenze.

L’incontro, coordinato da Daniele Lo Porto, segretario provinciale Assostampa sindacato unitario giornalisti, è stato animato da: Virgilio Piccari, direttore dell’Accademia di Belle Arti, Emanuele Puglia, attore e regista, Daniela Rossello, attrice e cantante, Salvo Sposito, direttore artistico, Elisa Guccione, giornalista, Alfia Milazzo, presidente Fondazione Città Invisibile, Vera Ambra, presidente Associazione Akkuaria, e i ragazzi dell’Accademia di Belle Arti autori dei costumi e delle scenografie degli spettacoli in cartellone.10857854_10203533326721851_2198541728885746016_n

“Realizzare un buon prodotto teatrale, in un contesto sociale ed economico come quello in cui viviamo, è sempre più difficile – spiega Emanuele Puglia – i quattro spettacoli in programmazione continuano il modus vivendi utilizzato l’anno scorso, proponendo, con serietà e competenza, un prodotto variegato ed interessante che stimoli la curiosità e l’interesse di chi viene a vedere le rappresentazioni”.

Presente all’incontro anche una piccola rappresentanza dell’Orchestra infantile Falcone e Borsellino, i quali si esibiranno dal vivo nello spettacolo “Nel Blu dipinto di blù…” – varietà sulla storia della canzone italiana tra gli anni ’50 e ’70.10646984_10203533318121636_3593823882670289352_n

Tanti i messaggi di solidarietà e legalità lanciati durante la conferenza stampa come l’intenso momento legato alla lettura dei pensieri dei piccoli componenti dell’Orchestra Falcone Borsellino, i quali con estrema semplicità e determinazione hanno espresso cosa significhi rispettare le leggi sin dai primi anni di vita. “Per Natale – dichiara i piccoli portavoce dell’Orchestra – non chiediamo regali per noi o per i nostri familiari ci piacerebbe vivere in una società pulita e senza macchia in cui uomini come il giudice Di Matteo possano svolgere la loro missione senza alcun tipo di minaccia o pressione. Questo è il nostro desiderio più grande e per realizzarlo l’impegno deve essere di tutti”.

Scrivi