Per i lavoratori dipendenti privati e pubblici gli istituti finanziari e le banche offrono una vasta gamma di prestiti personali, siano essi normali finanziamenti o crediti tramite la cessione del quinto. Questa categoria ha difatti poche difficoltà ad accedere ad un prestito in quanto hanno come garanzia principale il fatto di poter godere di una busta paga mensile costante e cospicua, l’incertezza di ottenere un reddito costante rende infatti molto più difficoltoso il poter ottenere con facilità una linea di credito o un vero e proprio prestito, proprio questa incertezza rende più difficile ottenere la somma di denaro richiesta nel caso in cui il richiedente sia un lavoratore autonomo o un commerciante in quanto le banche, specialmente al giorno d’oggi, hanno bisogno di garanzie solide da parte dei propri clienti.

Molti istituti bancari e finanziari mettono a disposizione i propri prestiti, talvolta anche abbastanza significativi e con condizioni agevolanti, per i lavoratori dipendenti (specialmente se pubblici come nel caso di dipendenti della marina o degli insegnanti), vediamo qualche esempio.

La cessione del quinto di Compass è un tipo di finanziamento dedicato infatti esclusivamente ai lavoratori dipendenti pubblici e privati e ai pensionati, che offre loro numerosi vantaggi significativi e condizioni personalizzate e flessibili.

Nessun garante richiesto in quanto il finanziamento è garantito dallo stipendio o dalla pensione, la rata mensile da rimborsare all’istituto non supera il quinto dello stipendio o della pensione, il cliente ha inoltre la possibilità di rimborsare per un periodo di tempo che va fino a 10 anni attraverso comode rate flessibili costruite su misura per il richiedente che può scegliere di saltarne alcune, posticiparle o anticipare l’estinzione del pagamento, tutto questo senza spese aggiuntive e penali.

Il rimborso di tali rate avviene direttamente sulla busta paga o nel caso di pensionati sul cedolino della pensione e se si ha la necessità si ha la possibilità di richiedere un anticipo sul credito, tutto ciò senza spese di intermediazione.

Parliamo adesso di Fingepa che con il suo prestito personale dedicato ai lavoratori dipendenti offre numerosi vantaggi esclusivi tra cui in brevi tempi a disposizione del richiedente una somma di denaro fino a 50.000 euro, un comodo piano di rimborso che va dai 12 a 120 mesi con delle piccole rate mensili che vengono concordate col cliente in modo personalizzato a seconda delle sue disponibilità economiche, si tratta di un prestito non finalizzato in quanto non c’è nessuna necessità di dichiarare per quale motivo si richiede il finanziamento quindi è inclusa il massimo della privacy, infine, cosa più importante nessuna garanzia viene richiesta se non la continuità del reddito mensile, basta presentare al momento della domanda una copia della dichiarazione dei redditi.

Anche l’istituto Inps ovvero l’Istituto Nazionale Per la Previdenza Sociale mette a disposizione dei prestiti per i lavoratori. Chiunque lavori infatti nel settore non pubblico può fare facilmente richiesta per i finanziamenti dell’Inps dipendenti private, e anche in questo caso si tratta di un’opzione che non comprende i lavoratori autonomi o i commercianti. Per fare richiesta di questi finanziamenti è necessario presentare all’istituto la propria carta d’identità ed una copia dell’ultima busta paga o del più recente CUD annuale. Questo prestito viene concesso attraverso la modalità di cessione del quinto. Se interessati a questo beneficio economico, per maggiori informazioni e dettagli a riguardo basta visitare il sito ufficiale dell’Inps o telefonare all’ufficio più vicino.


-- SCARICA IL PDF DI: Prestiti, le banche preferiscono i dipendenti --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata