di Gianluca Virgillito

In un contesto critico come quello della crisi economica che colpisce il nostro Paese, c’è chi ancora ha voglia di mettersi in gioco ed investire in qualcosa di importante. È il caso di Radio Flash, stazione radio presente sul territorio siciliano orientale dal 1978,  seguita da molti siciliani. È recente infatti l’attivazione di una nuova frequenza per la zona di Randazzo, che copre tutto il versante nord-est dell’Etna (FM 104.9) e soprattutto del canale 611 del digitale terrestre con FlashTV che permette di seguire la radio anche davanti allo schermo.

Delinea meglio obiettivi e motivazioni di tali scelte Enzo Sangrigoli, station manager di Radio Flash.

«La scelta di accendere una frequenza per il territorio di Randazzo e il canale 611 del digitale terrestre è stata ragionata e voluta fortemente. L’obiettivo di una realtà come la nostra deve essere quello, anche in tempi bui dal punto di vista economico come questi, di crescere ed espandersi. È necessario che sia così. Una radio efficiente, che voglia affacciarsi sul territorio, e lavorare in modo serio deve fare degli investimenti che siano oculati, in tandem con il proprio contesto. In quest’ottica l’idea di estendere il bacino d’utenza in un territorio vasto potrebbe aiutarci a migliorare gli ascolti, già buoni. Quella di Flash TV-LifeStyle è una scelta interessante. L’idea è quella di non snaturare l’idea di radio, non facendo quindi radiovisione, mantenendo il fascino del “vedo, non vedo”. Sarà un canale televisivo che, già dopo l’estate, trasmetterà musica, intratterrà il pubblico e proporrà anche momenti di informazione, riportando le notizie della giornata ogni punto ora, approfondendo poi durante il TG. Per il momento il canale trasmette ininterrottamente musica, senza stacchi pubblicitari. Ma non ci fermiamo a questo! Noi vogliamo una radio che sia in tutto e per tutto per gli ascoltatori, investiamo sull’interattività. Internet è una risorsa immensa in questo senso. Ormai tutti siamo immersi nella tecnologia: pc, tablet, i-pad e quant’altro sono mezzi di uso quotidiano che abbiamo raggiunto, perché vogliamo essere alla portata di tutti!»

Insomma, l’idea di Enzo Sangrigoli e della sua radio è quella di diffondere la musica e di intrattenere gli ascoltatori, esattamente come lo era quando fu fondata, utilizzando però la tecnologia di cui oggi possiamo disporre. Cambiano quindi i mezzi, ma a Radio Flash la musica non cambia!

Gianluca Virgillito

Scrivi