Franco Proto

Franco Proto

Il presidente Franco Proto insieme al consulente Marcello Pitino e ai dirigenti del Ragusa Calcio, il vicepresidente Ettore Tuccitto e il direttore sportivo Cesare Sorbo, sono stati  al Comune di Ragusa per presentare al sindaco Federico Piccitto l’innovativo programma di politica sportiva per il rilancio calcistico, e non solo, dell’intero territorio ibleo. Hanno atteso 50 minuti, poi sono stati convocati, ma il sindaco ha solo salutato gli intervenuti e ha abbandonato la riunione, ancora non cominciata. Il programma è stato consegnato nelle mani  del vicesindaco Massimo Iannucci. “Se il sindaco, che dovrebbe essere capofila di un progetto articolato che non riguarda solo la squadra calcistica, se ne va – ha detto Proto – non ci sono i margini per continuare il discorso”. “Non vado a Ragusa per gestire uno scopo ma per creare uno scopo. Questa – spiega – è stata la sintesi di un progetto rilanciato come slogan dai mass media e che ha prodotto  dei cerchi concentrici,  come fa il sassolino lanciato nell’acqua, risultando in un entusiasmo crescente che ha coinvolto sempre più soggetti, sensibili al messaggio innovativo che ho lanciato. Ma i progetti – prosegue Proto – si realizzano con i fatti e non con gli slogan, e per i grandi progetti  sono necessarie alleanze tra attori che credono, condividono  e si impegnano per la realizzazione degli stessi. E’ con una visione che appartiene alla mia storia che ho immaginato il mio coinvolgimento in un progetto che riguarda il territorio ibleo che per vocazione ha sempre saputo valorizzare le  proprie risorse e trasformare le criticità in opportunità  e che, più di altri,era pronto a recepire un programma che  non si rivolge solo al calcio ma pone le basi per una politica sportiva nella sua  più ampia accezione: sport, educazione alla salute, integrazione sociale e spettacolo. E’ con la passione che caratterizza il mio modus operandi che ho preparato il programma di intervento ma, come spesso accade, una visione troppo avanzata rispetto a prassi consolidate, ingenera diffidenza, timori, se non addirittura rifiuto. I progetti ” visionari” con lo sguardo verso il futuro sono simili ai progetti in disuso, antiquati. Entrambi sono fuori tempo. Mi stupisce però  il disinteresse di chi,  investito  per  ruolo istituzionale  della responsabilità di sviluppo del territorio e  della collettività, si voglia esimere oggi dalla partecipazione ad un tavolo che lo chiama ad essere protagonista corresponsabile di un progetto di grande valenza sociale , che lo propone capofila di un comprensorio sportivo ibleo, e che gli chiede di essere il tramite per mettere al servizio della comunità  esperienza  ed innovazione. Non vado a Ragusa – chiude il presidente Proto – per gestire uno scopo ma per creare uno scopo partecipato”.

Scrivi