Il sindaco di Catania ricorda come si sia “operato per superare alcuni eccessi e trovare una ricomposizione sulla linea concordata con il vicesegretario Guerini”. L’invito a lavorare sugli assetti e sui temi concreti.

CATANIA – Il presidente della Regione, Rosario Crocetta, ha annunciato la sua intenzione di azzerare la Giunta e di discutere con il Pd e le altre forze della maggioranza per programmare i prossimi obiettivi dell’azione politica. E, intanto, vengono rinviate le votazioni sulla sfiducia alle assessore Scilabra e Vancheri e l’elezione del vice presidente dell’Ars. Nel contempo il sindaco di Catania, Enzo Bianco, dichiara: “Pochi giorni fa ho promosso a Catania un incontro informale dell’area Renzi siciliana e l’auspicio diffuso della maggioranza dei presenti era stato di un riposizionamento equilibrato del Pd nei rapporti con il governo regionale per uscire dallo stallo. La linea da percorrere era ed è quella concordata con il vicesegretario nazionale del Partito Democratico Guerini: unità del Pd, sostegno al governo Crocetta, un’agenda politica con temi precisi da portare avanti e una giunta rinnovata che li concretizzi”.
“Questa posizione di equilibrio – ha aggiunto il Sindaco –, superando sia gli evidenti eccessi sia di alcuni renziani che, nel tentativo di sostenere il governo, gli stavano solo facendo del male, sia di alcuni cuperliani, è quella che anche il Pd nazionale ha voluto con convinzione e lungimiranza. Ecco perché mi sono speso personalmente in questi giorni per una ricomposizione e per creare le condizioni di un chiarimento”.
“Il presidente Crocetta – ha sottolineato Bianco – e di questo lo ringrazio, ha colto l’opportunità e la necessità di un rilancio vero dell’azione di governo, annunciando l’azzeramento della giunta e una nuova agenda discussa con il PD e con tutta la coalizione”.
“Adesso – ha concluso – occorre entrare nel merito, realizzare un’unità concreta e non di facciata, calibrare gli assetti di governo, di partito, istituzionali e programmatici. Serve un’assunzione di responsabilità da parte di tutti, non abbiamo più alibi. I siciliani da noi aspettano risposte”.

 

A proposito dell'autore

Generalmente parlo poco della mia persona e dei fatti miei. “ Il pericolo è il mio mestiere “, è il filo conduttore che guida tutta la mia esistenza lavorativa (e non solo). Non ho mai temuto di imbarcarmi in imprese estreme, di svolgere attività rischiose, di avere pericolose responsabilità, e non accontentandomi di un ripetitivo lavoro d’ufficio, ho voluto sempre mettermi alla prova. Dopo aver vissuto una vita davanti al microfono/mixer, e a tutte quelle apparecchiature che occorrono per intrattenere gli ascoltatori di una Radio, eccomi qui, collaboro con un giornale on line “ Sicilia Journal “. E’ stata un’ impresa all’inizio, ed ho cercato di gestire questo mio nuovo compito con calma e molta discrezione. Grazie a Silvia Ventimiglia ed al direttore del giornale Daniele Lo Porto. Buona lettura a tutti!

Post correlati

Scrivi