Si terrà domani 29 aprile lo sciopero regionale dei lavoratori della Regione, degli enti e delle società c.c.r.l. (contratto collettivo regionale di lavoro del comparto) con proteste a Palermo e a Catania “Per ridare dignità al lavoro pubblico in Sicilia”. Nel capoluogo etneo, in particolare, i lavoratori si riuniranno in Prefettura per un concentramento a partire dalla ore 9,30 per poi proseguire in corteo sino al Palazzo dell’ Esa. Lo sciopero è contro la finanziaria del Governo che taglia i diritti dei lavoratori ed è organizzato dalle segreterie regionali di Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, Cobas, Codir, Sadird, Ugl, Siad e Dirsi.

In concomitanza con lo sciopero generale dei dipendenti regionali, si terrà domani a Catania una manifestazione con concentramento, alle 9.30, davanti alla Prefettura (via Etnea) e corteo che arriverà fino al Palazzo dell’Esa.
Parteciperanno rappresentanze dei dipendenti regionali delle province di Catania, Siracusa, Ragusa, Enna, Caltanissetta e parte di Messina.
La manifestazione è organizzata dai sindacati Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, Cobas/Codir, Sadirs, Siad, Ugl, Dirsi. Saranno presenti i responsabili provinciali sindacali del comparto.

I dipendenti regionali protestano “contro la Finanziaria regionale che taglia i diritti dei lavortaori e per ridare dignità al lavoro pubblico in Sicilia”.
“Sono a tutt’oggi lettera morta – dicono le segreterie regionali di Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, Cobas/Codir, Sadirs, Siad, Ugl, Dirsi – l’improcrastinabile riclassificazione del personale regionale, degli Enti e delle società che applicano il contratto regionale, l’accompagnamento volontario alla pensione con i criteri pre-Fornero e l’apertura della stagione contrattuale giuridica ed economica, comparto e dirigenza. Inoltre – aggiungono – in considerazione del fatto che i regionali hanno avuto il blocco di un biennio in più rispetto agli statali e agli enti locali, vogliamo evitare il rischio, oggi conclamato, di dichiarazioni di esubero che farebbero fuori sic et simpliciter 1000 precari regionali”.
Analoga manifestazione si tiene in contemporanea anche a Palermo per la Sicilia Occidentale.

Scrivi