Il sindaco di Messina si divide tra la fissazione per il Tibet libero e gli attacchi contro “certa stampa”. E non si accorge di non essere originale: a Genova ed a Palermo sono a caccia dei giornalisti brutti, sporchi e cattivi già da tempo

Scrivi