di Martina Strano

Nello Riccioli, uno dei protagonisti dell’imprenditoria etnea, ha incontrato il sindaco Enzo Bianco nel Palazzo degli Elefanti per comunicare il suo ritiro dall’attività.

CATANIA – Una dinastia di imprenditori, una famiglia legata alla sartoria da generazioni.

La dinastia dei Riccioli nel settore della sartoria si apre con il cavalier Simone Riccioli, la cui sartoria già nei primi del novecento primeggiava a Catania, tanto da essere autorizzata con regio decreto di fregiarsi nella sua insegna dell’appellativo di “Sartoria della Real Casa”. Il figlio Emilio, inserì, nello storico negozio di via Etnea, l’abbigliamento maschile e femminile nel contesto sartoriale. Il nipote Nello Riccioli, infine, avvertì l’opportunità di coniugare la tradizione, il passato, con il futuro avendo percepito il talento delle figlie Maria Teresa, Simona e MonicaGioia. La società Thea Riccioli srl fu costituita tra Nello Riccioli e le sue tre figlie nel 1977 e lo storico negozio di via Etnea fu trasferito in Corso Italia. Il 27 febbraio scorso, durante la visita a Catania di Giorgio Napolitano, il presidente della Repubblica si era soffermato per qualche minuto con Nello Riccioli, suo vecchio conoscente.

«Riccioli – ha ricordato il sindaco Enzo Bianco al termine dell’incontro – è stato uno dei protagonisti non soltanto dell’imprenditoria etnea ma anche della rinascita di Catania e delle tante battaglie civili portate avanti con l’Associazione antiestorsione catanese».

Martina Strano

A proposito dell'autore

La prima parola che ho insegnato a mia sorella che oggi ha 8 anni? Cardigan. Per me la moda è ispirazione, conoscenza, originalità e passione. Ed è di questo che amo scrivere. Amo raccontare senza alcun filtro ciò che vedo. Proprio come la Schiap, le due parole che non rientrano nel mio vocabolario sono Proibito e Impossibile. Ma sicuramente troverete spesso Louboutin e Chanel.

Post correlati

Scrivi