Carmelinda Comandatore

PALERMO – I rifiuti invadono la città di Palermo e arrivano fino a Palazzo d’Orleans. Da stamattina, infatti, degli autocompattatori carichi di immondizia sono stazionati sotto la sede della presidenza della Regione. La protesta di alcuni sindaci guidati dal primo cittadino di Bagheria, Patrizio Cinque, arriva dunque all’Ars. Come promesso dal sindaco grillino, che nei giorni scorsi aveva manifestato il suo dissenso verso la politica del governo regionale, responsabile di una “programmazione inesistente e di scelte improvvisate“, ma soprattutto di fronte all’impossibilità di poter conferire i rifiuti in discarica, gli autocompattatori sono stati dirottati, in segno di protesta, verso piazza Indipendenza.

Se solo ieri il presidente della Regione, Rosario Crocetta, aveva convocato d’urgenza i sindaci del palermitano, per affrontare la questione della chiusura della discarica di Bellolampo e allo stesso tempo aveva sottolineato le responsabilità del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, da cui dipende la Rap, che gestisce la discarica palermitana, oggi la questione assume i toni della protesta. Nell’attesa di essere ricevuti da Crocetta, Cinque dichiara: “A qualcuno l’emergenza rifiuti serve, ai cittadini no! Non passi il messaggio che se le strade saranno colme di immondizia la colpa sarà dei sindaci”. L’esasperazione degli amministratori comunali nasce anche da una problematica seria, a cui dover far fronte nell’immediato: i cumuli di spazzatura possono causare cattive condizioni igienico-sanitarie, mettendo a rischio la salute dei siciliani.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi